FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Inter, Lukaku: “Scudetto? Sì, ma troppi alti e bassi. Ecco cosa mi ha detto Conte. Sapevo…”

Getty Images

La lunga intervista rilasciata da Big Rom in Belgio

Gianni Pampinella

Romelu Lukaku ha avuto un fantastico 2020. L'attaccante ha segnato 35 gol nella sua prima stagione all'Inter, ma non sono bastati per raggiungere un trofeo. In una lunga intervista con Sport Voetbalmagazine, Big Rom spera di cambiare la situazione nel 2021, ma raggiungere lo scudetto sarà difficile. "Il modo in cui giochiamo a calcio in questo momento, con alti e bassi, non dovremmo ancora parlare o sognare il titolo. Per prima cosa, guardiamo partita per partita. Competere per il titolo è il minimo che ci si può aspettare da noi, ma solo a marzo sapremo se è fattibile".

L'attaccante belga non lascia nulla al caso, il club nerazzurro gli ha fatto avere un abbonamento a Wyscout. "L'Inter mi ha fatto avere un abbonamento a Wyscout. Quando giochiamo contro una squadra che non ha cambiato allenatore da almeno un anno, vado a guardare i loro principi di base. Abbiamo anche due momenti video collettivi per ogni partita".

 Getty Images

CONTE - "Conte mi ha detto: 'Se anche tu diventi forte con le spalle alla porta nessuno può fermarti'. Mi ha parlato durante il  Mondiale 2014, poco prima di lasciare la Juventus, e poi di nuovo quando era al Chelsea. Eden Hazard ha quindi agito come intermediario in quelle conversazioni. Ha dato il mio numero al direttore sportivo del Chelsea ed è così che un giorno Michael Emenalo mi ha chiamato: "Romelu, l'allenatore che porteremo vuole te e te solamente". Ho preso appuntamento a Londra, non avevo idea di chi si sarebbe fatto vivo, e ho visto Conte. Avrei dovuto sapere che non poteva essere nessun altro"

Alla fine ci sono voluti altri tre anni prima che poteste lavorare insieme?

"Sapevo che un giorno sarebbe successo. Quando l'Italia ci ha battuti all'Europeo 2016 in Francia, ho visto come ha messo la sua squadra e ho sentito che qualcosa del genere si sarebbe adattato perfettamente a me. Per i primi tre mesi all'Inter non ha fatto altro che farmi allenare spalle alla porta. Ad ogni allenamento mi ha messo dietro Andrea Ranocchia ( 1,95 metri e 82 kg, ndr ) e gli ha chiesto di colpire forte. Ogni volta che perdevo la palla, dovevamo ricominciare l'esercizio".

Un incontro con un allenatore può cambiare un giocatore?

"Moltissimo. Ogni volta che lavoro su qualcosa, imparo velocemente. Quando mi sono allenato con Thierry Henry in nazionale, ad esempio, abbiamo spesso praticato la corsa in profondità. Era stato molto bravo in questo, quindi voleva insegnarmi come creare da solo le possibilità di gol ".

 Getty Images

Come ci è riuscito?

"Fino ad allora ho segnato principalmente quando la palla mi veniva passata, su cross o su palle profonde. Thierry mi ha detto: 'La differenza tra te e il vero top sta nella capacità di creare tu stesso occasioni da gol e convertirle in gol. Se devi dribblare tre giocatori per aprire la strada al gol, lo fai'. All'improvviso ho capito. Ho quindi rianalizzato le mie partite e ho capito cosa intendeva". 

Come trovi l'equilibrio tra lavorare sodo per la tua squadra e restare fresco per il momento in cui devi segnare e decidere una partita?

"Non sembro abbastanza forte fisicamente per combinare le due cose? Se sono ben preparato, non ci sono problemi. Ha anche a che fare con il tuo atteggiamento mentale. Per esempio l'estate scorsa ho avuto solo otto giorni di ferie, ma non mi sono mai permesso di pensare: basta. Perché se comincio a pensare in questo modo, gli infortuni verranno naturalmente. Penso il contrario: mi preparerò bene e mostrerò a tutti quanto sono forte. La penso allo stesso modo durante una partita. Devi essere contento di poter giocare partite consecutive".

Cosa fai ancora nel lavoro che non vediamo?

"Di recente ho ordinato una vasca del freddo portatile, ho anche un fisioterapista che viene a casa. Non ci sono segreti nel calcio. Non ottieni niente per niente. Allora perché non fare tutto il possibile per raggiungere il tuo massimo potenziale? L'intenzione è quella di potersi guardare allo specchio alla fine della propria carriera e dire: ho davvero tirato fuori tutto".

Cos'altro fai riguardo al lavoro invisibile sul campo?

"Anno dopo anno aggiungo ulteriori dettagli. Questa è la mia droga. Non voglio confrontarmi con Cristiano Ronaldo, Lionel Messi o Robert Lewandowski, ma se loro si stanno spingendo oltre i loro limiti in ogni momento, perché non dovrei farlo anch'io?"

Non ti disperi mai?

"A volte, ma devi sempre crederci fino alla fine. Recentemente siamo stati sotto 2-0 contro il Torino. A loro sembra una situazione comoda, ma quando facciamo un gol tutto gira e sono sopraffatti dal dubbio. Il tuo corpo segue la tua testa, quindi se rimani mentalmente convinto fino alla fine, puoi distruggere il tuo avversario".

Nella sua prima stagione con l'Inter, il brasiliano Ronaldo ha segnato 34 gol. Hai fatto meglio l'anno scorso.

"Non mi soffermo sui numeri. Il mio vantaggio è che sono diventato un professionista in giovane età. Nonostante i miei primi anni difficili con i Red Devils, ero sicuro che un giorno sarei diventato il capocannoniere di tutti i tempi, anche perché da anni sono circondato da top player. Se sei in campo da undici anni come professionista, ha senso battere qualche record".

(Sportmagazine)

tutte le notizie di

Potresti esserti perso