Sensi e Nainggolan, risposte incoraggianti: da incognite a elementi chiave per l’Inter

Conte può riscoprire due nuove risorse a centrocampo

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Stefano Sensi e Radja Nainggolan

Fra infortuni e nuovi casi di positività al Covid-19, in casa Inter arrivano anche dei piccoli segnali positivi: Stefano Sensi prosegue nel suo programma riabilitativo, e settimana prossima potrebbe rientrare in gruppo, mentre Radja Nainggolan ha disputato 90 minuti nell’amichevole di ieri contro il Monza, dimostrando di essere sulla strada giusta per raggiungere quel grado di condizione richiesto da Antonio Conte. Due recuperi fondamentali in un reparto, il centrocampo, pesantemente colpito dalla sfortuna.

Stefano Sensi, Inter
Getty Images

SOS CENTROCAMPO – Con Vecino ormai da tempo ai box, Brozovic risultato positivo al coronavirus, Eriksen fuori dal progetto e Gagliardini appena rientrato dopo un lungo stop, l’Inter si ritrova a dover spremere ancora una volta Barella e Vidal, fin qui punti fermi obbligati della formazione nerazzurra. Il completo recupero di Sensi e Nainggolan potrà dare delle alternative in più a Conte, in un periodo che si preannuncia decisivo per il futuro della stagione interista fra campionato e Champions League.

Radja Nainggolan, Inter-Parma
Getty Images

RISORSE – Come scrive il Corriere dello Sport Sensi ha corso a parte e la prossima settimana può tornare a lavorare con il gruppo. Nainggolan ha giocato tutta l’amichevole vinta contro il Monza e si candida nelle 10 partite prima di Natale a ricoprire un ruolo non più da comparsa. Per Conte, che ha perso Brozovic positivo al Covid con la Croazia, le risposte arrivate ieri sono state incoraggianti: l’ex Sassuolo e il Ninja per il centrocampo ora più che mai sono elementi chiave“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy