Bedy Moratti: “La cessione dell’Inter? Momento giusto. 5 maggio drammatico. Mourinho…”

Le parole della sorella dell’ex presidente nerazzurro

di Marco Astori, @MarcoAstori_

Lunga intervista concessa da Bedy Moratti, sorella dell’ex presidente dell’Inter Massimo, ai microfoni de La Verità. Tanti i temi trattati in merito al club nerazzurro, dalla cessione nel 2014 all’era Mourinho.

La passione per l’Inter ha accompagnato la sua vita…
«Avevo una decina di anni quando mio padre prese l’Inter. Io stavo in collegio, a Montreux. Quando sono tornata a casa, avevo 14 anni e ho cominciato a seguire la squadra. Sono andata ovunque e sono stata presente a tutte le vittorie dell’Inter. Poi, nel periodo in cui ho vissuto a Roma, l’Inter non era più di mio padre».

Era il periodo di Ivano Fraizzoli e poi di Ernesto Pellegrini.
«Finché, mentre ero a Trieste per uno spettacolo, ho visto in televisione che mio fratello Massimo aveva acquistato l’Inter. Sapevo delle sue intenzioni, ma il caso ha voluto che lo sapessi in un teatro. Ero tutta contenta!».

Getty Images

Il giocatore che ha amato di più?
«Del periodo di papà Luis Suárez e Mario Corso erano i miei preferiti, due campioni veri. Della squadra di Massimo tutti avevano qualcosa di speciale. Poi, nonostante oggi sia al Milan, adoro Zlatan Ibrahimovic: è un fenomeno, una forza della natura. Anche se non dovrei dirlo».

Che ricordi ha di José Mourinho?
«Sono sempre andata con la squadra nei vari ritiri, nelle amichevoli, quindi Mourinho l’ho conosciuto bene, lo vedevo spesso. È una persona molto intelligente, un gran lavoratore e un fine psicologo, per cui era amatissimo. Qualche volte abbiamo sentito delle urla dallo spogliatoio: sapevamo che era Mourinho che li stava strigliando e che avremmo vinto di sicuro. Un grande personaggio. Un altro allenatore che ho amato molto era anche Roberto Mancini: anche lui ha vinto tanto con noi».

Getty Images

Quando suo fratello ha venduto la società, è stato un dispiacere per tutta la famiglia?
«Era il momento giusto. Lo capisco perfettamente: avevamo vinto tutto ed era molto impegnativo per lui».

Tra tantissime vittorie, la più grande delusione?
«Ai tempi di papà quando abbiamo perso a Lisbona contro il Celtic la finale di Coppa dei campioni, nel 1967. Con Massimo abbiamo vinto tutto. Le delusioni potevano essere perdere con la Juve o con il Milan».

C’è stata la beffa del 5 maggio 2002, con la sconfitta all’ultima giornata di campionato contro la Lazio.
«È stato drammatico perché vedevo i nostri giocatori veramente nella disperazione, per non parlare dei tifosi: sembrava un suicidio di massa! È stato veramente pesante. Non abbiamo mai capito il perché di quella sconfitta: i nostri erano carichissimi, ma il calcio, si sa, è imprevedibile».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy