Biasin: “Eriksen top in Premier, ora ridotto a guardare. Conte potrà anche non dirlo ma…”

Il giornalista ha detto la sua sul pari di Bergamo durante un’ospitata nella trasmissione di Italia1, Pressing

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

A Pressing, programma di Italia 1, Fabrizio Biasin ha parlato del pari dell’Inter a Bergamo:

-Quella scelta da Conte è la strada giusta? 

Certamente è quella giusta. Il problema è che non c’è un’altra strada e questa non sembra l’Inter di Conte. Era un’Inter diversa quella della scorsa stagione. Questa è un’Inter molto diversa, che gioca le sue partite anche bene, quella con l’Atalanta non benissimo, ma non ha lo spirito di Conte. Lui prepara molto le partite, ma questa squadra rimette sempre in gioco le sue avversarie quindi c’è qualcosa che non quadra. Io non rinuncio al vino e all’ammazza-caffé, vado per la mia strada. Non può essere contento di un’Inter che ha vinto una sola partita nelle ultime otto, è una squadra chiamata a vincere. So che è un percorso, ma il primo a non essere contento è lui. Che lo dica o meno. 

-Le scelte di Conte sulle sostituzioni? 

Quando Conte ha sostituito Gasperini si è messo a quattro. Ha fatto quello che fa un allenatore, prova a cambiare quando le cose vanno male. Dall’altra parte le sostituzioni di Conte e sono elementari, non sono da Conte. Credo che dovrebbe incidere di più quando la partita si complica, invece lui non lo sta facendo. 

Getty Images

-Vi aspettavate Nainggolan o Eriksen in campo?

Io ero a Bergamo e pensavo: ‘Dieci minuti a uno che ha giocato la finale di CL, si potranno concedere?’. Sono entrati tutti e uno dei migliori centrocampisti della Premier League guardava gli altri. 

-D’accordo sui mancati rigori? 

Posso astenermi? Per me quello di D’Ambrosio è rigore. Lì ci è andata bene. Ma mi fido della moviola, benissimo così. 

(Fonte: Pressing)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy