FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

primo piano

Conte: “Ho vinto, ma ho perso anche tante finali. Il più forte che ho allenato? Faccio 2 nomi”

Conte: “Ho vinto, ma ho perso anche tante finali. Il più forte che ho allenato? Faccio 2 nomi” - immagine 1

Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter e oggi al Tottenham, ha raccontato alcuni aspetti della sua carriera, ma anche del suo privato

Marco Macca

Una lunga intervista, concessa al canale You Tube di Sky Sports UK, in cui Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter e oggi al Tottenham, ha raccontato alcuni aspetti della sua carriera, ma anche della sua persona nel privato. Ecco le sue parole:

Conte: “Ho vinto, ma ho perso anche tante finali. Il più forte che ho allenato? Faccio 2 nomi”- immagine 2

Il mio idolo?

Mio padre. Non era forte a giocare a calcio, ma giocava e per me era un idolo. Il suo, invece, era Pelé. Per me lui e Maradona sono stati i migliori.

Eri bravo a scuola?

Sì. Non il primo della classe, ma studiavo, visto che la mia famiglia mi diceva sempre: 'Se studi, poi puoi giocare a calcio'. Sarei diventato un insegnante di materie scientifiche se non fossi diventato calciatore. Se ci pensi, un insegnante e un allenatore hanno molti punti in comune. Da allenatore, tu insegni la tua idea di calcio ai giocatori.

Quanti trofei hai vinto?

Molti. Difficile dire il numero, ma ho vinto tanto sia da giocatore che da allenatore. Ma ho anche perso tanto, tante finali. Ma è stato positivo, perché a volte quando perdi diventi più forte e provi a migliorarti, trasformando la sofferenza in voglia.

Il momento che ha cambiato la tua carriera?

Come giocatore, il trasferimento dal Lecce alla Juventus. Ho giocato 13 anni lì. Come allenatore, invece, è stata l'esperienza all'Arezzo. Solo dopo quell'avventura sono diventato un vero allenatore.

Il miglior giocatore con cui tu abbia mai giocato?

Sono stato fortunato durante il mio periodo alla Juventus. Cito Zidane, Del Piero, Vialli, Baggio. Difficile sceglierne uno, ma sono stato fortunato a giocare insieme a loro.

E il miglior giocatore allenato?

Ne cito due, con cui prima ho giocato insieme e che poi ho allenato: Del Piero e Buffon. Prima sono stato loro compagno di squadra, poi loro allenatore. Giocatori incredibili.

Harry Kane è fra i migliori che tu abbia allenato?

Di sicuro, stiamo parlando di un attaccante di classe mondiale, un giocatore incredibile. Per me è un piacere essere il suo allenatore. Ma sottolineerei l'aspetto umano: non sempre chi ha questo talento lavora allo stesso modo degli altri calciatori. Spesso questo tipo di giocatori sono anche un po' svogliati, perché non pensano di dover migliorare. Lui, invece, in allenamento è un esempio per tutti i compagni. E' un piacere per me lavorare con lui.

Com'è il vero Antonio Conte?

Nella vita privata, mi piace passare del tempo con la mia famiglia e i miei amici, con cui scherzo tanto. Anche nel lavoro lo faccio, ma ci sono dei momenti in cui devi essere più duro. Se sono romantico? Non sono un gran romantico, ma sono un uomo appassionato. Non ricordo le date dell'anniversario, ho chiesto sempre a mia moglie di ricordarmelo. Non amo fare e ricevere regali: ma non perché non voglio spendere soldi, ma perché non amo fare shopping.

(Fonte: Sky Sports UK)

tutte le notizie di