L’Inter si ritrova con un nuovo attaccante. Lampi di Sanchez, Conte assaggia il vero Alexis

L’Inter si ritrova con un nuovo attaccante. Lampi di Sanchez, Conte assaggia il vero Alexis

L’attaccante dell’Inter si è dimostrato in grande forma ieri sera contro il Ludogorets dimostrando di poter dare il suo contributo

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Nella vittoria di ieri sera col Ludogorets il protagonista dei nerazzurri è stato Alexis Sanchez. Il cileno sta finalmente dimostrando il suo valore e l’Inter può contare su un nuovo attaccante nel motore. Conte sperava in estate di avere un’alternativa come lui per il reparto offensivo, ma il lungo infortunio gli ha tolto quest’opzione.

“Sanchez è tornato a fare… il Sanchez: guizzi nello spazio, dribbling nello stretto, imbucate di qualità alla ricerca di Lukaku. E poi quella traversa centrata a inizio ripresa con un missile da fuori area che ancora trema. C’è molto di Sanchez in questo successo e molto ancora spera l’Inter di avere da Alexis in questi ultimi tre mesi di stagione, ricchi di impegni e con obiettivi nobili all’orizzonte. C’è la corsa allo scudetto più viva che mai, una semifinale di Coppa Italia a Napoli da ribaltare e soprattutto una Europa League da vivere il più a lungo possibile, e da protagonista. Perché un club come l’Inter non può permettersi di snobbare nulla dopo anni di buio e difficoltà”, sottolinea La Gazzetta dello Sport.l

“E allora eccolo qui Sanchez, il vero acquisto in attacco del mercato rivoluzionario di gennaio. Un acquisto a costo zero, che può dare però tantissimo. Alexis ha attaccato ogni zona del campo in totale libertà, senza troppi vincoli, come faceva all’inizio della carriera. Forse perché sa che per insidiare la LuLa – giustamente intoccabile in questo momento – dovrà sapersi reinventare e sopratutto farsi trovare sempre pronto. Dal suo talento l’Inter può trovare davvero l’arma vincente per tornare a vincere un trofeo. Ieri la ri-United con Lukaku – i due sono arrivati insieme dal Manchester – ha funzionato bene: Alexis e Romelu si sono cercati spesso, mostrando cose buone nel fraseggio nello stretto al limite dell’area avversaria. Pensando a quello che si era intravisto a Barcellona in Champions, quando Alexis aveva giocato titolare accanto a Lautaro con Lukaku indisponibile, è lecito pensare che ora Conte ha una soluzione in più per sorprendere gli avversari. E Alexis tanti motivi per tornare Maravilla”, aggiunge il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy