Inter, tieni duro: compattezza la parola d’ordine. Suning, l’unico obiettivo ora è vendere

La squadra punta a isolarsi per non risentire delle difficoltà societaria

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

L’Inter di Antonio Conte prosegue nel suo cammino, nonostante le voci sul futuro societario che potrebbero destabilizzare l’ambiente. Con campionato e Coppa Italia ancora in gioco, l’obiettivo della squadra è quello di compattarsi e isolarsi, concentrando la propria attenzione esclusivamente sul campo. Una bella differenza, per esempio, rispetto alla Juventus, come scrive La Gazzetta dello Sport: “La Juventus, per intendersi, investe: l’ha fatto la scorsa estate, continua a farlo ora. In casa Inter, invece, la parola d’ordine è compattezza. Traduzione: isolare il più possibile la squadra dalle problematiche societarie“.

Lautaro Martinez e Achraf Hakimi
Getty Images

OBIETTIVO CESSIONE – “Il -102 milioni dell’ultimo bilancio è stato pesante, il prossimo al 30 giugno produrrà un numero ancor più negativo, considerando l’assenza totale dei ricavi stadio e pure la prematura uscita dalle coppe europee. Sullo sfondo c’è Bc Partners, il fondo di private equity che ha già incontrato il presidente Zhang, interessato ad almeno una quota di minoranza del club: la due diligence è in corso, siamo all’alba di una trattativa, l’Inter è un piatto da 950 milioni di euro. Che però, dal post Hakimi, sul mercato ha investito solo 4 milioni (2,5 Darmian, 1,5 Kolarov). Che possono salire al massimo a cinque, perché in caso di scudetto il Barcellona aspetta un milione di bonus per Vidal“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy