GdS – Inter, con Lukaku puoi uscire dal tunnel: i numeri parlano chiaro. Conte sospeso come…

L’analisi del quotidiano sportivo sulla squadra nerazzurra con e senza il centravanti belga, fondamentale per la formazione di Conte

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

C’è un’Inter con Lukaku e un’Inter senza. “C’è una squadra cullata, protetta, accarezzata dal suo gigante buono. E ne esiste una affannata, dubbiosa, con meno certezze: quando il belga non è di casa a Milano, si dorme decisamente peggio” sottolinea La Gazzetta dello Sport. L’ex Manchester United ha sulle spalle l’intero reparto avanzato ed è una sicurezza per il suo allenatore Antonio Conte. Il ritorno dal primo minuto dopo la sosta fa stare tranquillo il tecnico nerazzurro, che vuole mettere la stagione sui binari giusti. “La sua creatura si è infilata in un preoccupante tunnel, ma può uscirne a spallate proprio grazie a Romelu. Averne fatto a meno anche solo per due partite e mezzo per colpa di un adduttore dispettoso ha tolto la più importante fonte di gioco, ha rallentato il processo di crescita di tutta la compagnia, ha privato Lautaro del suo gemello” aggiunge il quotidiano.

Getty Images

Il commissario tecnico del Belgio, Martinez, ha mantenuto la promessa e lo ha risparmiato nell’amichevole con la Svizzera. L’Inter avrebbe preferito trattenerlo a Milano ma Lukaku è legato alla nazionale e sarà in campo nelle ultime due sfide di Nations League contro Inghilterra e Danimarca di Eriksen. La parentesi in nazionale non distoglie Lukaku dal focus sull’Inter, che senza il suo centravanti non è riuscita a dare “l’ultimo morso” alle partite nelle sfide contro Parma e Real Madrid.

I numeri mostrano una dipendenza da Lukaku da parte dell’Inter. Nelle prime sette, in cui il belga non ha mai tirato il fiato, ha segnato quasi il 50% delle reti totali, 7 su 15. Confrontando le medie dell’Inter con Romelu e senza, la tendenza si esaspera: le reti a partita passano da 2,1 a 1,7, calano i tiri scagliati in porta, si diradano le occasioni. E nessuno meglio di Conte sa quanto sia importante l’ex United ed Everton.

Getty Images

La Gazzetta dello Sport aggiunge: “Antonio si sente sospeso proprio come la sua Inter: da un lato i risultati sfumano sul più bello, dall’altro si fa strada la convinzione che la strada sia comunque giusta. Toro e Real dopo la sosta sono le prime occasioni per correggere gli errori seminati lungo il cammino e ritrovare cattiveria davanti: la strada la indica di nuovo Lu“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy