Nainggolan, bocciatura senza attenuanti: le parole di Conte sanno di sentenza definitiva

Il centrocampista belga, entrato nel finale di Inter-Parma, è apparso ancora in ritardo di condizione

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Radja Nainggolan, Inter-Parma

Brutto passo falso per l’Inter, che contro il Parma non va oltre il 2-2 casalingo: pareggio acciuffato solamente nel recupero grazie a un colpo di testa di Perisic. Nell’assalto finale Antonio Conte si è giocato anche la carta Nainggolan, tornato da poco a disposizione dopo essere guarito dalla positività al coronavirus. L’impatto del belga, tuttavia, non è stato dei migliori, a conferma del suo stato di forma ancora non ottimale: una chance sprecata, per un giocatore rimasto a lungo sulla lista dei cedibili.

BOCCIATURA – A tal proposito le parole pronunciate a fine partita da Antonio Conte, secondo La Gazzetta dello Sport, appaiono come una netta bocciatura: “Tranchant, invece, alla voce Nainggolan, entrato nel disperato assalto finale: «Potete giudicarlo, io cerco di portare tutti nella miglior condizione: c’è chi ci arriva prima, chi dopo e chi mai»”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy