Bagni: “Inter, manca filtro. Eriksen non più quello di una volta. Vidal? Ho un’idea chiara”

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, l’ex centrocampista del Napoli Salvatore Bagni ha parlato dei problemi della mediana nerazzurra

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Arturo Vidal, Inter-Milan

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, l’ex centrocampista dell’Inter e del Napoli Salvatore Bagni ha parlato dei problemi della mediana nerazzurra evidenziati in questo inizio di stagione:

Un centrocampista che giudica il centrocampo dell’Inter: che idea si è fatto del reparto?
«Mi sembra formato da tanti giocatori che amano accorciare in avanti, che il meglio lo danno più vicino alla porta avversaria che alla propria. All’Inter manca un filtro davanti alla difesa, si è visto anche in Champions contro il Borussia: ai tedeschi in alcuni frangenti è bastato girare il pallone in tranquillità, convinti che prima o poi lo spazio l’avrebbero trovato. E infatti così è stato».

Anche per colpa di Vidal, sulle due reti…
«Ho un’idea chiara sul cileno: fa fatica davanti alla difesa. Perché alla fine l’età conta, non c’è niente da fare. Sta giocando con grande applicazione, si capisce la sua voglia di rendersi utile. Ma credo che sia chiamato a un dispendio fisico eccessivo. Gli errori contro il Borussia sono figli della scarsa lucidità, altrimenti un giocatore esperto come lui non avrebbe mai provocato quel rigore o fatto sfilare quel pallone. Credo che il cileno debba giocare più avanti, con altri due centrocampisti dietro».

Getty Images

Così significherebbe ancor meno spazio per Eriksen, però.
«Il danese non è più il giocatore di qualche anno fa. Sono sempre stato un suo ammiratore, ma ora è un calciatore diverso. Che non può giocare davanti alla difesa e non può essere neppure la mezzala per Conte. Può muoversi solo da trequartista, ma non avrà mai le caratteristiche del centrocampista di inserimento. Però questo credo lo sapessero anche all’Inter, prima di acquistarlo».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy