Bergomi: “Personalità, piede e arroganza: Bastoni ha tutto. Ma per arrivare al top deve…”

Bergomi: “Personalità, piede e arroganza: Bastoni ha tutto. Ma per arrivare al top deve…”

L’ex calciatore nerazzurro ha parlato di Bastoni elogiandone i pregi e soprattutto consigliando i punti da migliorare per arrivare al top

di Alessandro De Felice, @aledefelice24
Alessandro Bastoni, Napoli-Inter

La benedizione di Giuseppe Bergomi, una vera e propria leggenda dell’Inter. L’ex nerazzurro ha parlato di Alessandro Bastoni, rivelazione sotto la guida di Antonio Conte, in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport:

Conosco Bastoni da tanto tempo. Quando allenavo i “’95′” all’Atalanta (la Berretti, ndr), si diceva che la classe 1999 fosse una delle più forti: Alessandro era uno che spiccava. E ne seguo la crescita da un po’ anche nelle varie nazionali giovanili: ha sempre avuto mezzi fisici e tecnici importanti. In più è un centrale mancino, categoria molto richiesta nel calcio di oggi. Ora tutti vogliono far partire l’azione dalla difesa e lui con quel piede e con quella personalità ti fa uscire da dietro. I difensori mancini sono merce rara, quelli con qualità importanti di palleggio ancora di più: lui le ha. A volte ha anche quell’arroganza nella giocata che è bella da vedere in un calciatore così giovane“.

Bergomi ha aggiunto: “Poi, però, bisogna anche esser difensori: reggere l’uno contro uno, saper difendere con tanto spazio alle spalle, scegliere quando accorciare e quando temporeggiare, leggere le diverse situazioni. Tutte cose che definiscono un difensore, uno che ti risolve problemi e non te li deve mai creare. Da questo punto di vista, in quasi tutte queste cose, Bastoni deve ancora crescere, per diventare un top, anche perché nel nostro calcio alla fine vince spesso chi subisce di meno. Prendiamo il gol di Dybala in Juve-Inter: lì sbaglia un’uscita, viene saltato e poi non riprende più l’argentino. Se fa quell’uscita con i tempi giusti porta via la palla: questa è la crescita che serve per entrare fra i big del ruolo. Ma ha grandi mezzi, lo vedi anche quando salta di testa. E grandi maestri: prima ha imparato da Gasperini, in una difesa a tre completamente diversa, senza coperture, ora deve solo seguire le indicazioni di Conte“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy