GdS – Coronavirus e le conseguenze sul mercato: la Lega ha ‘scelto’ le partite da giocare a luglio

GdS – Coronavirus e le conseguenze sul mercato: la Lega ha ‘scelto’ le partite da giocare a luglio

La nuova idea della Lega, che pensa di far disputare le partite di Coppa Italia a luglio per far fronte al problema proroghe

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

La crisi sanitaria con l’epidemia di Coronavirus avrà inevitabilmente ripercussioni sull’economia nel mondo del calcio e di conseguenza sul calciomercato. Tra i temi sul tavolo della Fifa c’è la sospensione dei pagamenti degli ingaggi: come scrive La Gazzetta dello Sport, si discuterà con la Fifpro – la federazione internazionale dei giocatori – la possibilità di congelare parte degli stipendi dei calciatori.

Tra i temi caldi c’è anche quello delle scadenze dei contratti. Arrivare a luglio significherebbe dover prorogare le scadenze dei contratti, fissate al 30 giugno: “i club dovrebbero pagare per un periodo di tempo inizialmente non previsto, oppure – esempio – parte degli ingaggi che oggi, nonostante la lunga inattività, arrivano sui conti correnti potrebbero “coprire” le settimane di eventuali prestazioni di luglio“.

La Lega di Serie A sta pensando di giocare a luglio solamente le semifinali di ritorno e la finale di Coppa Italia, scelta che necessita delle proroghe solamente per i 4 club impegnati, oltre a una modifica alle regole del calciomercato per i prestiti con diritto o obbligo di riscatto: in questo caso “chi in questi mesi non ha potuto usufruire delle prestazioni di un giocatore potrà chiedere di ritoccare il prezzo al ribasso“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy