CorSera – Inter, il salto di qualità passa da Vidal ma non solo. “Non vincere col Real sarebbe…”

Il centrocampista cileno è chiamato ad alzare il suo livello di prestazioni

di Matteo Pifferi, @Pifferii

“Un mese per scoprire verità e bluff. Per chi è scattato in avanti e chi è rimasto indietro, i prossimi 33 giorni diranno molto sul futuro. In campionato e in Europa, due terreni su cui i nostri sette club impegnati nelle coppe europee dovranno fare una full immersion”. Apre così l’articolo del Corriere della Sera in merito al confronto tra le prime sette della Serie A, chiamate a dimostrare il proprio valore con una serie di partite ravvicinate che saranno evidentemente decisive, sia in Europa che in Italia.

INTER – “I nerazzurri non sono partiti forte come l’anno passato, le altre però li hanno aspettati e in fondo la Juve ha solo un punto in più. Finora hanno stupito i tanti gol incassati dalla squadra di Conte, miglior difesa della passata stagione”, scrive il CorSera che evidenzia come il calendario dei nerazzurri non sia facile, con Torino, Real Madrid e Sassuolo subito nel giro di una settimana. “Preoccupa soprattutto lo scontro di Champions: non vincere con il Real significherebbe avere quasi un piede fuori dagli ottavi e un’eliminazione rischia di avere ripercussioni pesanti sul morale”, aggiunge il quotidiano.

VIDAL – La pausa delle Nazionali non ha portato piacevoli novità all’Inter, in quanto Brozovic e Kolarov sono risultati positivi al Covid-19. Ma in tanti hanno segnato, da Lukaku ad Eriksen, da Lautaro a Vidal. “I fari sono proprio sul centrocampista cileno, il salto passa da lui e da una ritrovata solidità difensiva. L’Inter ora deve accelerare e trovare concretezza sotto porta: avere finalmente Sanchez in ordine aiuterà”, chiosa il Corriere della Sera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy