Zazzaroni: “Dzeko? Non può permettersi scioperi. C’è una cosa che mi domando…”

Zazzaroni: “Dzeko? Non può permettersi scioperi. C’è una cosa che mi domando…”

Il putno di Zazzaroni sul futuro di Icardi e Dzeko

di Marco Macca, @macca_marco

Dalle colonne del Corriere dello Sport, il direttore editoriale del quotidiano, Ivan Zazzaroni, ha fatto il suo punto sul futuro di Icardi e Dzeko, che vivono situazioni simili all’Inter e alla Roma ma per motivazioni opposte:

Ieri, fatto Lozano, De Laurentiis ha portato l’offerta a 60 milioni e si è avvicinato anche a Wanda. Nelle stesse ore Marotta ha deciso di non spingersi oltre i 15 per Dzeko e di aspettare che la Roma ritocchi la cifra del conguaglio. Da 30 a 45. Icardi, ora. Per lui non esiste uno ieri e nemmeno un oggi, soltanto un domani chissà dove: en attendant Fabiò (Paratici) e dopo essersi scambiato un paio di messaggi con Ancelotti, si è preso un’altra settimana di riflessione. Sette giorni che – potenza delle coincidenze temporali – potrebbero servire alla Juve per liberarsi di Manduzkic, Rugani, Perin, Can oppure per fare soldi con Dybala. Mi soffermo sulla Roma e su Dzeko: quasi tutti gli osservatori sono convinti che Pallotta non sia in grado di soddisfare le “pretese” di Inter e Icardi (al plurale) e allora mi domando perché il club non possa far rispettare il contratto a Dzeko che è il centravanti più completo del campionato oltre che il più funzionale al gioco di Fonseca. Dubito che il bosniaco possa mettersi di traverso. In primo luogo perché è un professionista serio e poi perché è ancora in corsa per la fase finale dell’Europeo e non può concedersi rallentamenti, pause, scioperi bianchi“.

(Fonte: Corriere dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy