Branca: “Lautaro mi ricorda Aguero. Ho vinto 15 titoli, poi è arrivato il FPF. L’Inter di oggi…”

Marco Branca intercettato da Fcinter1908 dopo il Festival dello Sport

L’ex direttore dell’area tecnica dell’Inter, Marco Branca, ha parlato a margine del Festival dello Sport. Ecco le sue parole, intercettate da Fcinter1908: “Il primo pensiero è di ringraziamento per il presidente, i giocatori e tutti quelli che hanno lavorato per l’Inter per avermi dato questa opportunità. Sono contento di essere stato all’altezza, c’era grande voglia di fare le cose fatte bene, ci siamo riusciti e stiamo dando soddisfazioni anche a posteriori, visto l’entusiasmo di oggi.

Gli acquisti fatti? Sono stati talmente tanti che non ne ho uno preferito, farei un torto a qualcuno. Li rivedo con molto affetto. L’Inter di oggi? Non so quanto manchi per tornare a competere perché non sono dentro. Si sono ripresi dopo un inizio un po’ così, solo chi è veramente dentro può sapere quanto manca e cosa serve.

Marotta all’Inter? Non mi occupo di queste scelte. Lautaro ricorda Milito? No, Lautaro mi ricorda un po’ un suo connazionale che gioca nel Manchester City (Aguero ndr), perché Diego faceva salire la squadra ed era sempre disponibile. Icardi? Non voglio fare paragoni, sono due giocatori estremamente diversi: uno è giovane ed è un grandissimo finalizzatore, avrà l’opportunità di migliorare nella partecipazione, Diego aveva caratteristiche diverse.

Spalletti come Mourinho? Non lo conosco veramente, fare paragoni è fuori luogo.

CAMPIONI DEL TRIPLETE “Se c’è stata troppa riconoscenza verso i campioni del Triplete? No, l’anno dopo vincemmo una Coppa Italia e un Mondiale per Club, arrivando secondi in campionato. Poi arrivò anche il Fair Play Finanziario. E’ stato un ciclo bellissimo. Sono contentissimo di aver contribuito alla vittoria di 15 titoli”.

MORATTI – “Solo la famiglia Moratti ha vinto 24 titoli, c’è un legame speciale con l’Inter ed è impossibile che la viva in maniera distaccata e tranquilla”.

FUTURO – “Ho avuto dei contatti con alcune società, anche in Italia”.

SPIRITO TRIPLETE – “Penso che ognuno debba avere il suo e che la squadra attuale debba costruite il suo spirito”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy