Sconcerti a FCIN1908: “Sapevamo chi è Sensi, l’Inter può crescere. Stupito da un giocatore”

Il giornalista sportivo intervistato in occasione del Festival dello Sport di Trento

Mario Sconcerti ha commentato ai nostri microfoni la situazione dell’Inter in campionato, dopo la sconfitta contro la Juventus: “In alta classifica mi ha stupito la rapidità con la quale Conte ha reso competitiva l’Inter. E mi ha stupito la differenza con cui si pensava intervenisse Sarri sulla Juve. La Juve è una squadra decisamente diversa da quella di un anno fa, adesso vedremo se otterrà anche i risultati ottenuti in questi anni. Certamente è una squadra trasformata da un punto di vista tecnico. Sensi? E’ un giocatore che ormai ha 24 anni e gioca in serie A da sei. Chi è Sensi lo sapevamo. Io credo che Sensi si sia preso molto palcoscenico anche perché è quello che ha il gioco più evidente. Sa saltare l’uomo, gioca vicino alla porta, tira bene in porta e ha fatto dei gol importanti. Però a me quello che ha stupito è stato Brozovic, che ha fatto un salto importante rispetto agli ultimi anni. Un salto importante che lo hanno fatto diventare un grande regista e poi i tre della linea difensiva, che al di là delle ultime due partite giocate contro grandi avversari, sono stati quelli contro cui tutti gli avversari dell’Inter hanno rimbalzato. Inter-Juve ha marcato una distanza o l’Inter potrà dire la sua in questo campionato? Ma certamente, siamo abituati a dare troppa importanza al singolo avvenimento. Sarebbe come se una volta valesse per tutta, due volte non sono mai la stessa cosa. L’Inter non solo ha il dovere di continuare a pensare a crescere, ma ne ha il diritto perché ha tutte le possibilità”.

0 Commenta qui

Recupera Password

accettazione privacy