Inter, Icardi corre nella storia: Mauro come Angelillo nel ’58-59. In quella stagione…

Inter, Icardi corre nella storia: Mauro come Angelillo nel ’58-59. In quella stagione…

L’attaccante nerazzurro sempre più nella storia del club

di Marco Macca, @macca_marco

Sulle orme della storia, a grandi passi, senza sosta e senza tregua, come slogan vuole in casa Inter. Il gol che scorre nelle vene di Mauro Icardi sta rapidamente permettendo all’attaccante argentino di ritagliarsi un posto importante nella storia del club nerazzurro. Perché i numeri iniziano a fare spavento (in senso positivo, s’intende) e i nomi ai quali l’ex Sampdoria viene di volta in volta accostato sono di quelli seduti nell’Olimpo interista. Il gol e Icardi, Icardi e il gol. Un binomio indissolubile, in cui i tifosi dell’Inter continuano a sperare nella rincorsa Champions League. Con la consapevolezza che un giocatore così, almeno a livello realizzativo, non si vedeva dal 1958-59.

Eh già, perché come riportato dai dati Opta, era da quella stagione che un giocatore nerazzurro non riusciva a segnare 26 gol in un singolo campionato. L’ultimo a farlo fu Antonio Valentìn Angelillo, che quell’anno arrivò addirittura a 33. Uno degli attaccanti più grandi che la storia dell’Inter abbia mai conosciuto, uno di quelli capaci di scolpire il proprio nome nella storia. Quello che sta provando a fare Icardi, come solo lui sa fare: con i gol. L’Inter e i suoi tifosi si affidano ancora a lui per una difficile rincorsa all’Europa più bella, in attesa di scrivere altre pagine indimenticabili.

(Fonte: Opta)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy