Mourinho: “Ho capito che ci sono poteri che non si possono combattere. Il mio futuro…”

Mourinho: “Ho capito che ci sono poteri che non si possono combattere. Il mio futuro…”

Lo Special One si racconta in una lunga intervista per il canale televisivo SIC

Commenta per primo!

In una lunga intervista con il suo amico Nuno Luz per il canale televisivo portoghese SIC, José Mourinho ha parlato del suo primo anno al Manchester United. Ma sono tanti gli argomenti toccati dallo Special One: “Credo che il club ha ottenuto successi da essere abituato a vincere sempre, forse non si rendevano conto che anche altri club erano in crescita, anche negli ultimi anni di Sir Alex. Al giorno d’oggi tutti i club sono cresciuti grazie ai diritti televisivi condivisi, è quasi una cosa unica nel calcio europeo. Ha permesso di diluire la disparità di potere, in questo modo il Manchester United ha smesso di essere l’onnipotente Manchester United, e divenne parte di un gruppo di cinque, sei, sette club molto potenti. L’uscita di Sir Alex, unico e più di un manager, il cambiamento dei poteri in Premier League e un periodo di instabilità all’Old Trafford; tre manager in tre anni, se si conta Ryan Giggs. E’ stato un periodo di una certa instabilità, incredulità e anche di distanza con i tifosi”. 

LA STESSA PASSIONE DI UN TEMPO: “Un momento io sono al Porto, il gol negli ultimi minuti all’Old Trafford, un gruppo di ragazzi allenati da un bambino, realizzano un sogno. Tredici anni dopo, ho reagito in modo diverso, ma torno ancora a casa arrabbiato con una sconfitta e che voglio comprendere e analizzare e giocare di nuovo e vincere. Ho ancora quella sensazione, quasi come una rivolta personale, quando le cose vanno male. Ma io sono ancora un uomo molto felice, in grado di essere emotivo con una vittoria speciale. In questo aspetto continuo ad essere lo stesso, ma capisco anche con l’esperienza che io continuo ad essere guardato con occhi diversi. Mi è stato vietato di entrare in uno stadio, dove la mia squadra stava giocando, nemmeno con un biglietto acquistato. Quest’anno sono stato espulso per aver calciato una bottiglia di plastica, un altro allenatore per una spinta al quarto uomo (Arsene Wenger ndr.), non succede nulla. Ho iniziato a capire che ci sono poteri che non si possono combattere. Questa è anche una lezione di vita, una lezione sleale, ma comunque una lezione di vita”.

I GIOCATORI MODERNI: “Quando ero un assistente-allenatore, un allenatore in particolare mi diceva di andare sul pullman e verificare se tutti i giocatori erano al telefono. Io cerco di stabilire alcune regole base, ad esempio, un giocatore che è infortunato non può mettere la sua diagnosi sui social media prima del club. Un tempo era impossibile scattare una foto all’interno degli spogliatoi dopo una vittoria. Quindi ci sono cose che non si possono combattere. Nel mio caso ho Instagram, i miei partner commerciali hanno ritenuto che era una buona cosa. Una volta al mese, o il giorno del compleanno del Re potrei mettere una foto divertente o qualcos’altro, di sicuro farei felici le persone che mi seguono. Alla mia età posso anche imparare molto dai bambini con cui lavoro“.

L’UFFICIO: “Ho un tavolo disordinato organizzato in una zona in cui lavoro. Guarda i video, parlo con un giocatore o un allenatore. C’è un altro spazio dove mi piace stare da solo. Ho una cyclette, di fronte alla mia scrivania solo per ingannare la gente, è solo lì per decorazione. Pedalo quando sono felice, quando si vince. Quando noi non vinciamo, non mi piace pedalare. Ho una visione privilegiata di tutte le piazzole. Mi piace mantenere le stesse strutture e gli stessi assistenti, e dare fiducia alle persone che sono qui per molti anni, mi piace insegnare loro come lavoro, ciò non significa che sia il modo corretto, ma insegnare loro come io lavori, dando sempre la possibilità di adattarsi“.

LO STAFF: “E ‘importante portare la mia gente, le persone che si identificano con me, che conoscono perfettamente il mio lavoro. Rui è un allenatore fantastico, non è mai stato allenatore in prima squadra, ma ha grandi capacità. Tutti hanno ottime capacità, abbiamo una struttura in grado di lavorare con gli occhi chiusi. I miei assistenti vivono tutti nello stesso edificio, la loro abitazione è a due minuti di distanza dall’hotel dove io vivo. Ceniamo insieme, praticamente tutti i giorni. Perché siamo senza le nostre famiglie, ci rende partner di tutti i giorni, 24 ore al giorno“.

LA VITA DI TUTTI I GIORNI: “Al mattino, normalmente Ricardo Formosino viene e si incontra con me intorno alle 8.30. La sessione di allenamento è alle ore 11, se ci alleniamo una volta al giorno andiamo via intorno alle 16, se ci alleniamo due volte, alle 18 o 19, il lavoro è molto più che allenamenti. Torniamo a Manchester alla fine della giornata. Londra è molto vicino a Manchester in treno, con treni diretti, ogni ora. Un’ora, 45 minuti e sono a casa. Io sono educato se mi capita di incontrare persone in treno. Chiedo anche alla gente un po’ di collaborazione. Se dico alla gente ‘alla fine’, lo rispettano. Io faccio il mio viaggio rilassato; riposo, leggo o guardo una partita su un iPad o lavoro, rispondo alle email. Quando arrivo a Londra, lascio il treno, cinque minuti, una mezza dozzina di foto e autografi, e arrivederci a presto”.

SIR ALEX FERGUSON: “Abbiamo la stessa amicizia che abbiamo sempre avuto, un SMS, un compleanno o una cartolina di Natale. Sarà sempre un ambasciatore di questo club ma non si avvicina mai nello spogliatoio. Alla fine delle partite, quando lui, Sir Bobby Charlton e l’amministratore delegato scendono, lui è l’unico che non entra negli spogliatoi, gli ho detto che questo tipo di situazione non ha senso, ha bisogno di sentirsi libero di fare ciò che una persona della sua statura rappresenta per il club può fare“.

FUTURO: “Tre anni minimo, credo che sarò qui, credo che il club comprenda la necessità di dare stabilità a tutti i livelli. Se vogliono che io resti io resterò, ma come ho detto, c’è bisogno di essere felice. Io non sono un tipo di persona sta in un club per 10, 15 anni, senza avere successo. Ho bisogno di avere il vero successo, la mia vita è così, ho bisogno di orgoglio e felicità. In tutta onestà, vorrei le cose vadano bene e stare qui molti anni”.

(SIC)

 

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy