Prandelli: “Al Leicester ho detto no, hanno trattato male Ranieri. Verratti è un leader”

Prandelli: “Al Leicester ho detto no, hanno trattato male Ranieri. Verratti è un leader”

L’ex ct della Nazionale Italiana ha parlato con la stampa francese e ha raccontato di aver rifiutato la proposta del club inglese

Cesare Prandelli è stato accostato più volte all’Inter. Dopo l’esperienza aperta e chiusa in poco tempo con il Valencia, l’allenatore italiano è stato contattato anche dal Leicester City, ma ha detto no: “Ho risposto subito di no perché non si va un un posto così dopo che hanno trattato Ranieri in quel modo. Gli allenatori giovani dovrebbero studiare quello che è successo perché dopo un’impresa, in pochi mesi, la squadra non ha più risposto allo stesso modo. Per questo credo che è importante che un club non dia la responsabilità solo all’allenatore, ma le divida a tutti i livelli. Ha fatto un’impresa straordinaria e non può essere scaricato in quel modo un tecnico che vince così”. 

VERRATTI – L’ex ct è stato chiarissimo e si è schierato dalla parte dell’ex allenatore dell’Inter. Il giornale francese che lo ha intervistato gli ha anche chiesto un parere sul centrocampista del PSG, Marco Verratti: “Ha tecnica, qualità, personalità. Può assumere giocare in tutti i ruoli del centrocampo. Ha questo straordinario dono di sapere gestire tutte le situazioni con la palla. Ci sono giocatori che diventano leader sorprendenti in campo e lui è senza dubbio un leader. Fuori dal campo è un ragazzo tranquillo, molto equilibrato. E ‘quel tipo di personaggio che diventa un leader anche fuori dal campo e spesso si sbaglia nel dare ai giocatori un ruolo che non è loro. Ad esempio, Pirlo è stato un leader mondiale nel settore, ma al di fuori, era una persona semplice, taciturno, intelligente. Non era facile da dominare per la sua personalità“. 

(Fonte: SFR)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy