Show con l’Italia ma non solo: ecco perché Bastoni è l’oro dell’Inter. E quelle parole di Conte…

Il difensore ex Atalanta ha sfoderato una prova da predestinato

di Matteo Pifferi, @Pifferii
La Uefa ha messo in fila i più grandi talenti del calcio europeo. Cinquanta nomi su cui puntare per il futuro a medio e lungo termine

“Quando un allenatore come Antonio Conte e un leader come Bonucci si scomodano per te, ci deve essere un perché. Non ci sono sotterfugi”. Apre così l’articolo de La Gazzetta dello Sport in merito ad Alessandro Bastoni, il nuovo oro dell’Inter e della Nazionale. Ieri sera, l’ex Atalanta, ha sfoderato una prestazione da predestinato, annullando completamente un attaccante come Lewandowski, uno dei migliori (se non il migliore) attaccanti a livello mondiale.

Alessandro Bastoni
Getty Images

INVESTITURA DI CONTE – La giornata di Bastoni era iniziata con l’investitura di Antonio Conte che, in un’intervista a La Gazzetta, aveva elogiato il classe ’99 con termini forti: “Un tecnico deve avere una ‘visione’. Guardi un ragazzo e vedi quello che potrebbe diventare. E in Bastoni l’ho visto”, ha dichiarato il tecnico alla Rosea. “Parole che non possono non aver dato la carica al classe ’99 prima dell’esame contro la Polonia”, commenta La Gazzetta. Prima Conte, poi Bonucci perché il difensore della Nazionale ha dedicato un pensiero importante a Bastoni, sceso in campo contro la Polonia con la 19 di Bonucci. Una partita da 7 in pagella e, con la complicità di Acerbi, Lewandowski annullato.

Fonte: Sky Sport

PRESENTE E FUTURO ALL’INTER – Dopo la Nazionale, l’Inter. Bastoni ha esordito a Genova con la Sampdoria e fin da subito si è preso il posto da titolare nella difesa a 3 in Serie A, senza però esordire in Champions nel suo primo anno in nerazzurro. Ad agosto, invece, è arrivata l’esplosione in Europa League e la definitiva consacrazione con la maglia dell’Inter. Consacrazione non interrotta dal Covid, visto che, guarito dal virus, si è ripreso il suo posto da titolare. “Ora Bastoni è tornato a gamba tesa e petto in fuori: l’uomo di Conte è diventato grande anche in Nazionale”, il commento della Rosea.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy