Inter, Lukaku: “Avevo 2 offerte italiane, ho detto cosa volevo. Conte? Mi ha spiegato che…”

Inter, Lukaku: “Avevo 2 offerte italiane, ho detto cosa volevo. Conte? Mi ha spiegato che…”

Le parole dell’attaccante belga che elogia Antonio Conte

di redazionefcinter1908

Intervenuto sul canale YouTube LightHarted, Romelu Lukaku elogia Antonio Conte. Il giocatore rivela che l’allenatore nerazzurro lo voleva già nel 2013, quando era sulla panchina della Juventus: “Mi voleva già quando era alla Juve nel 2013, abbiamo un buon rapporto. Mi ha mostrato cosa vuole da me, dove vuole che giochi“, spiega l’attaccante belga. “Ha vinto tre campionati in Italia e in uno è rimasto imbattuto. Alla Juve ha vinto lo scudetto con una squadra che era arrivata settima l’anno prima, imbattuto. La Premier è il mio campionato, il numero uno. Ma la Serie A è al secondo posto. Mio fratello gioca alla Lazio. Il mio lavoro è fare gol, ma è difficile farlo qui“. Il giocatore parla anche delle difficoltà avute allo United negli ultimi tempi: “Mi chiedevo se fossi io il problema, andavo col Belgio e facevo gol. Allo United le cose invece non andavano bene. Parlavo con lo staff e chiedevo spiegazioni, ma non mi sentivo protetto. C’erano tante voci. Non zittivano queste voci. Continuavano a dire che il coach non aveva bisogno di me, che mi avrebbero venduto e le voce andavano avanti per settimane e settimane. Io aspettavo che qualcuno uscisse fuori per zittire queste voci, ma non è successo. Avevo bisogno di protezione, ma non è mai accaduto. Non mi hanno protetto, ok, allora ho detto io voglio andare via. Devi lottare per la tua posizione, ma soprattutto devi andare dove ti vuole la gente”.

INTER – “Non volevo stare in un posto dove non mi volevano. Non sono il tipo che rimane nel mezzo, o questo o quello, bisogna scegliere. Io credo nelle mie capacità e io lotto per quello in cui credo. Non voglio essere un problema. Cerchiamo una soluzione per non avere un giocatore infelice. Inter e Juve, ma non erano le uniche. Chelsea? Lampard mi ha aiutato un sacco quando ero al Chelsea. In Italia c’erano due squadre che mi volevano. Dovevo prendere una decisione e ho detto quello che dovevo dire, ho detto quello che dovevo. A quel punto dipendeva dallo United. Non avevo grandi indicazioni chiare su cosa volesse lo United, toccava al mio agente trovare una soluzione. Per me è importante essere dove mi vogliono“.

PASSATO“Mi madre puliva in un bar, io e mio fratello eravamo piccoli e andavamo ad aiutarla. La gente parla, ma non sa qual è il background delle persone. Mentalmente sono molto forte. Non sono il tipo che parla della sua vita privata, mi tengo le cose per me. Quando mio padre aveva smesso di giocare, non veniva più nessuno a casa nostra. Poi ho iniziato io ed è tornata gente: zii, amici, parenti, vicini… La casa era sempre piena. A sei anni ho iniziato.. A 10 anni ho avuto la possibilità di andare in una squadra di livello in Belgio e da lì è iniziato tutto”. 

CARATTERISTICHE“Sono uno che fa gol, sono veloce, potente, posso dribblare. La gente pensa che io sia quello che non sono, il classico centravanti grosso che butta via i difensori che protegge palla, ma io sono un goleador. Nel Belgio sono più pericoloso perché cerco sempre il gol. 

 

 

(Gianni Pampinella – Andrea Della Sala)

(Fonte: Canale YouTube Lightharted)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy