Marotta: “Vidal? Pensieri si possono fare. Sensi, la situazione. E Kulusevski…”

Marotta: “Vidal? Pensieri si possono fare. Sensi, la situazione. E Kulusevski…”

Le dichiarazioni del dirigente nerazzurro

di Gianni Pampinella

A pochi minuti dal fischio d’inizio di Inter-Spal, Beppe Marotta ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Queste le parole del dirigente nerazzurro: “Il pareggio della Juve? Siamo abituati a queste situazioni, noi dobbiamo essere concentrati sulla partita di oggi. Esame di maturità? Gli esami si fanno ogni domenica indipendentemente dal blasone dell’avversario. Bisogna essere motivati e concentrati e sono certo che Conte riuscirà a mantenere la concentrazione alta”.

GLI INFORTUNI  – “È un momento difficile per degli infortuni soprattutto per un settore specifico che è il centrocampo. Ma credo che i giocatori che Conte metterà in campo sono all’altezza della situazione così come tutto il gruppo che lui allena quotidianamente. Se diamo una mano a Conte? È un bravissimo professionista, sa quando deve usare il bastone o la carota. Lui le partite le prepara sempre molto bene indipendentemente da tutto, sa da solo quello che deve fare”.

SENSI – “Ha problematiche di carattere muscolare, faremo degli approfondimenti clinici. E’ delicato e difficile, sia l’analisi che la diagnosi. Faremo accertamenti ma sono fiducioso, non è nulla di grave ma dobbiamo inquadrare meglio la situazione

VIDAL E KULUSEVSKI – “Vidal è un giocatore importante nello scenario mondiale. Io e Conte siamo legati da un rapporto di amicizia ed è un rapporto basato anche della grande considerazione che abbiamo di lui. Tantissime squadre lo vorrebbero, purtroppo è nel Barcellona. In una convergenza positiva dei pensieri si possono fare. In un settore che purtroppo è in sofferenza. È normale, come diceva Conte abbiamo una rosa ristretta rispetto alle competizioni alle quali partecipiamo. Kulusevski? Con Faggiano siamo amici e ne parleremo in una sede diversa“.

(Sky Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy