PAGELLE: Bastoni carica, Barella trascina. Lukaku? Sbaglia ma altro che panterone moscione

PAGELLE: Bastoni carica, Barella trascina. Lukaku? Sbaglia ma altro che panterone moscione

Le pagelle di Daniele Mari, direttore di Fcinter1908, su Inter-Verona 2-1: gran rimonta nerazzurra firmata Vecino e Barella

di Daniele Mari, @marifcinter

HANDANOVIC 5,5: L’intervento su Zaccagni è appena accennato ma poteva essere evitato. Per il resto, il Verona non si rende mai veramente pericoloso

SKRINIAR 6,5: A destra si trova inevitabilmente meglio, c’è poco da dire. Si sgancia per l’assalto finale con grande continuità

DE VRIJ 7: Brozovic marcato a uomo, l’Inter mette in campo il suo secondo regista. Sensi non c’è, ecco l’olandese che si prende la squadra sulle spalle. Come sempre

BASTONI 7: Nel secondo tempo, è il più giovane a suonare la carica. Si sgancia, si propone, tira, crossa. Tutto senza paura

LAZARO 6,5: Prestazione non sempre continua. Ma prestazione vera. Regala l’assist a Vecino ma è solo una delle diverse cose positive che fa

VECINO 6,5: Ha il merito, enorme, di pareggiare la partita con il suo fondamentale migliore: lo stacco di testa in area. Non sempre nel vivo del gioco, cresce alla distanza

BROZOVIC 6: Marcato a uomo, spesso è costretto a girare lontano dal vivo della manovra per avere più spazio. Ci pensa De Vrij e lui si fa da parte. Ma resta prezioso

BARELLA 7,5: Un gol da cineteca e la solita quantità infinita di chilometri e di grinta. Ma non solo grinta: grinta e piedi. Ha impiegato un mese per diventare pilastro di Conte, ora non esce più

BIRAGHI 6: Nel primo tempo, l’Inter gioca di più dalla sua parte. Ma veri pericoli non ne crea, Candreva ha una presenza diversa

LAUTARO 6,5: Meno esplosivo nel primo controllo di palla rispetto al solito. Ma resta sempre pericoloso, ad ogni tocco di palla

LUKAKU 6,5: Partiamo dalla fine. Sbaglia un gol clamoroso. Ok. E per questo mezzo punto in meno. Ma per il resto, è il vero trascinatore della squadra. A volte dominante, finalmente usa il fisico per tenere gli avversari a distanza. Apre costantemente spazi per i compagni. Altro che panterone moscione

CANDREVA 7: Entra e cambia l’Inter. Ancora. E’ sempre più determinante ed è sempre più convinto dei suoi mezzi. Con Conte sembra davvero un altro giocatore

ESPOSITO, D’AMBROSIO SV

CONTE 7: La squadra macina gioco. Sarebbe stato assurdo non vincere questa partita. Create decine di palle gol, vere e potenziali. La squadra rispecchia il suo allenatore. Non molla mai. E gioca. Sempre

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy