FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Inter, Spalletti ha cambiato la vita di Brozovic: “Domenica Marcelo gli dirà…”

Inter, Spalletti ha cambiato la vita di Brozovic: “Domenica Marcelo gli dirà…”

Il croato nella posizione attuale è una sua creazione, come quelle che in passato fece per esempio con Perrotta, Totti, Pjanic e Nainggolan, a cui cambiò ruolo e prospettive

Marco Astori

Domenica sera i riflettori di Inter-Napoli saranno puntati soprattutto su un calciatore: Marcelo Brozovic. Il centrocampista croato è infatti una creatura di Luciano Spalletti, che lo ha reso uno dei registi più forti a livello internazionale grazie alla sua invenzione di metterlo davanti alla difesa. Come ricorda Tuttosport: "Undici marzo 2018, allora, come domenica prossima, si giocava Inter-Napoli a San Siro. In quella partita Luciano Spalletti si trovava sulla panchina nerazzurra e dopo averlo provato in diverse posizioni, da mezzala nel 4-3-3 o da trequartista nel 4-2-3-1, ovvero i ruoli dove anche i suoi precedessori avevano tentato di dare un’identità allo scostante centrocampista croato, piazzò “Brozo” davanti alla difesa, nei due mediani, al fianco di Gagliardini.

 Getty Images

La partita contro l’undici di Sarri terminò 0-0, ma l’Inter mostrò un volto differente, con più equilibrio e trame di gioco più fluide e Brozovic fu senza dubbio il migliore in campo. E la sua carriera in quella serata cambiò, così come il destino dell’Inter. Domenica Brozovic ritroverà per la prima volta da avversario il tecnico che gli ha cambiato la vita. Perché diciamocelo: se il croato è diventato un bel cigno dopo essere stato per anni un brutto anatroccolo, un centrocampista fra i più richiesti d’Europa dopo essere stato “mister discontinuità”, lo deve a Spalletti.

Il perché della scelta

Il croato nella posizione attuale è una sua creazione, come quelle che in passato fece per esempio con Perrotta, Totti, Pjanic e Nainggolan, a cui cambiò ruolo e prospettive. «Con Brozo ho commesso un errore involontario - disse Spalletti il 3 aprile del 2018 dopo le prime tre ottime gare di fila da regista -, perché tutti i numeri e le giocate che faceva portavano a dire che fosse rischioso metterlo davanti alla difesa, si pensava fosse uno molto anarchico. Averlo responsabilizzato e avergli creato un recinto lo fa sentire più importante, lo fa comandare. Giocando lì fa più contrasti, perde meno palloni, fa viaggiare la palla più velocemente: è un giocatore forte in quel ruolo lì». Domenica arriverà Spalletti e forse Brozovic, più di altri, salutandolo gli dirà «grazie mister»", conclude il quotidiano.

tutte le notizie di