FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

le rivali

Dzeko come Icardi, Pinto: “Adesso non è più il capitano. Club come famiglie, ma…”

Skysport

Il direttore generale della Roma ha parlato di quanto successo tra l'attaccante e l'allenatore

Eva A. Provenzano

Tiago Pinto, general manager della Roma, in una conferenza stampa che ha tenuto a Trigoria, ha parlato di quanto accaduto traDzeko e Fonseca. Queste le parole del dirigete: «Nel mondo del calcio le squadre vivono le dinamiche di una famiglia. E quando vengono risolti certi problemi se ne esce più forti. Dzeko è un grande professionista, una persona con un carattere molto forte che ha scritto pagine importanti della Roma. Fonseca è il nostro leader sportivo e a lui abbiamo affidato il nostro futuro, immediato e non solo. Negli ultimi giorni abbiamo avuto delle riunioni volte a rafforzare questo senso di fiducia reciproca. Ne siamo usciti felici e fiduciosi di poter raggiungere gli obiettivi della Roma. Ci concentriamo su questo, perché il bene collettivo della Roma è più importante di quello dei singoli. Per quanto riguarda la fascia da capitano, un club si deve reggere sulle regole. Lui non è il capitano adesso. Per quanto riguarda il futuro della Roma lavoreremo per il meglio e anche Edin lo farà in questo senso».

LA FASCIA -«Sulla fascia da capitano chi decide? Questione strategica che coinvolge il mister ma anche tutta la società. Bisognerà arrivare ad una decisione condivisa. Sulle scelte tecniche del mister è lui che sceglie la formazione e non c'è influenza della società, non potrebbe essere diversamente», ha aggiunto.

IL MERCATO - «Per quanto riguarda il mercato sono una persona ambiziosa. L'arrivo di Reynolds e El Shaarawy sono due acquisti importanti. Abbiamo lavorato per trovare delle soluzioni anche in uscita per chi gioca meno. Ma per una ragione o l'altra queste opportunità non si sono concretizzate e non è un punto che mi lascia soddisfatto», ha detto sull'ultima sessione di mercato.

(Fonte: SS24)

tutte le notizie di

Potresti esserti perso