Il gioiello Cucurella, il 4-4-2 e il mito Simeone: Inter, ecco il Getafe di Bordalás

Il gioiello Cucurella, il 4-4-2 e il mito Simeone: Inter, ecco il Getafe di Bordalás

Tutto sulla prossima avversaria dell’Inter in Europa League nel doppio confronto valido per gli ottavi di finale

di Alessandro De Felice

Sarà Inter-Getafe negli ottavi di finale di Europa League. Il sorteggio di Nyon ha stabilito il doppio confronto tra nerazzurri e la formazione spagnolo per un posto tra le prime otto della competizione europea. Una sfida ostica per gli uomini di Antonio Conte, che dovranno superare l’ostacolo iberico per proseguire il cammino verso la finale dello Stadion Energa Gdańsk di Danzica, in Polonia, in programma il prossimo 27 maggio. Andiamo a conoscere meglio i prossimi avversari della ‘Beneamata’.

LA FORMAZIONE TIPO – José Bordalás si affida a un 4-4-2 classico. Davanti al portiere Soria, la difesa è formata da Damian Suarez e Olivera sugli esterni, con Etxeita e il capitano Djené a comporre la coppia di centrali. A centrocampo, il tecnico punta su Arambarri e l’ex Valencia Maksimovic, con Nyom e la stella Cucurella – classe 1998 di proprietà del Barcellona e nel mirino di molti club europei – ad agire sulle corsie laterali. In avanti la coppia d’oro formata da Jaime Mata e Jorge Molina, con Deyverson e Angel Rodriguez in alternativa, senza dimenticare Kenedy, esterno sinistro classe 1996 di proprietà del Chelsea e mai esploso a Stamford Bridge e che proprio a Getafe sta trovando l’ambiente in cui esprimersi al meglio.

L’ALLENATORE – Nel mito di Diego Pablo Simeone. José Bordalás ha nel ‘Cholo’ il suo idolo calcistico e il tecnico a cui si ispira. Dopo aver terminato la carriera da calciatore all’età di 28 anni, il classe 1964 di Alicante ha iniziato subito a studiare da allenatore intraprendendo la carriera con una lunga gavetta fino alla grande opportunità chiamata Getafe. Il suo dixtat? Intensità e aggressività, due caratteristiche che incarnano perfettamente l’idea calcistica dell’ex centrocampista dell’Inter e attuale allenatore dell’Atletico Madrid.

IL CAMMINO – Dopo il quinto posto della passata stagione, il Getafe si è classificato al secondo posto nel Girone C alle spalle del Basilea e davanti a Trabzonspor e Krasnodar con 12 punti. Poi il doppio confronto con l’Ajax nei sedicesimi di finale e il passaggio del turno a sorpresa: dopo il 2-0 dell’andata grazie alle reti di Deyverson e Kenedy è arrivato la sconfitta indolore ieri sera alla Johan Cruijff di Amsterdam per 2-1. Una qualificazione inaspettata, con la formazione spagnola che è riuscita a gestire il vantaggio dell’andata e portare a casa il pass per gli ottavi.

IN SPAGNA – Due sconfitte negli ultimi due turni. Il Getafe ha abbandonato la terza posizione in Liga dopo i due ko consecutivi negli ultimi 180 minuti contro Barcellona (2-1) e Siviglia (0-3). La formazione di José Bordalás è in piena lotta per un posto nella prossima Champions League ed è al quinto posto con 42 punti, frutto di 12 vittorie, 6 pareggi e 7 sconfitte.

LE DATE – Già stabilite le date delle due gare. L’andata si giocherà il 12 marzo a San Siro, mentre il ritorno è programmato una settimana più tardi, il giovedì 19, allo stadio Coliseum Alfonso Pérez di Getafe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy