Canovi: “La Fifa tiri fuori i 6 miliardi in cassa per aiutare Federazioni e club”

Le dichiarazioni del procuratore a TMW Radio sul momento del calcio italiano e internazionale

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

Intervenuto nel corso della trasmissione ‘Maracanà’ su TMW Radio, l’agente Dario Canovi ha rilasciato alcune dichiarazioni: “Una richiesta dovremmo farla a Infantino. La Fifa ha 6 miliardi di dollari in cassa, che cominci a distribuirli alle Federazioni, per aiutare i piccoli club a non fallire“.

SERIE A –Cellino e Ferrero? Quando si parla di certi presidenti, bisogna capire in che momento hanno parlato. La legge non la possono fare loro ma la collettività. Se uno fa parte di un’associazione, deve capire e seguire le regole scritte. Non può farsi le sue regole. Se si decide di riprendere il campionato, la squadra deve tornare a giocare. Calendari? Occhio poi che nel 2022 ci saranno i Mondiali a novembre. Cosa fare? Sarebbe giusto salvare il Brescia. Come Bergamo, sono al centro di una pandemia incredibile. Se vogliamo salvarlo, facciamolo per questo e non perché non si può riprendere il campionato. Miglior allenatore? Per me è Gasperini. Ha dei lati del carattere un po’ spigolosi, non si fa pestare i piedi. In generale poi ho un idolo personale, che è Thiago Motta“.

PROCURATORI –188 milioni nell’ultima sessione di mercato? Non è vero. I procuratori ne hanno versati 15, gli altri citati sono gli intermediari. Vorrei vedere nei bilanci nei singoli bilanci delle squadre, dove sono andati a finire quei soldi. Noi procuratori siamo sempre stati pagati con la percentuale dello stipendio del calciatore. Evidentemente non sono cifre degli agenti ma dei mediatori. E sono cifre che escono fuori dal calcio e vanno nei fondi, che Infantino dice di voler combattere. E poi vorrei capire perché si usi un intermediario per prendere un giocatore di un altro grande club, quando i due presidenti hanno la possibilità di avere contatti continui“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy