Sconcerti: “Eriksen? Non è colpa di Conte: può essere il vero problema. Escludersi significa…”

Il giornalista ed editorialista del Corriere della Sera ha parlato del centrocampista danese ai microfoni di Calciomercato.com

di Alessandro De Felice, @aledefelice24
Christian Eriksen, Inter-Borussia Moenchengladbach

Dopo il pari tra l’Inter e il Borussia Monchengladbach, il giornalista ed editorialista del Corriere della Sera Mario Sconcerti ha parlato di Christian Eriksen a Calciomercato.com, analizzando la prova contro i tedeschi e la situazione del danese, al centro dei riflettori:

È arrivato il tempo che Eriksen si prenda la responsabilità del poco che sta facendo. Non è più giusto dare la colpa a Conte. Eriksen ha avuto ormai decine di occasioni e non è mai venuto fuori niente. Col Borussia è andato meglio di altre volte, ma non ha inciso, non ha dato un solo cambio di gioco. L’Inter è una squadra del presente, è costruita per vincere oggi. Quando si prendono Kolarov, Young, Perisic, Vidal, lo stesso Eriksen, si prendono per avere, non per insegnargli il calcio. Perché un buon giocatore fallisce in un club è spesso un mistero, ma la domanda non può durare in eterno.

Serve anche una risposta. Eriksen è fuori dall’Inter e non ha il minimo sintomo di volerci tornare. Escludersi in modo così franco, così evidente, significa avere un limite tecnico. Abbiamo sbagliato nel giudicare le sue qualità, non sono quelle che pensavamo. Conte deve avere semmai un altro tipo di scrupolo: nell’Inter molti dei giocatori di qualità fanno adesso fatica, da Eriksen a Kolarov, a Sanchez, a Brozovic, a Sensi. Rischia di essere il vero problema“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy