È Pazza Inter anche con Conte. De Vrij e Bastoni evitano polemiche, ma non la sfuriata del tecnico

È Pazza Inter anche con Conte. De Vrij e Bastoni evitano polemiche, ma non la sfuriata del tecnico

Altra partita decisa nel finale, dopo Sassuolo, ma questa volta l’Inter in 4 minuti ribalta il risultato e si porta a casa i tre punti

di Andrea Della Sala, @dellas8427

L’Inter vince a Parma, ma non convince. Tre punti importanti, ma ottenuti nei minuti finali dopo una partita di sofferenza contro un Parma che ha creato parecchi problemi alla retroguardia nerazzurra.

“L’Inter è pazza nel Dna e queste ultime due giornate sono la fotografie di un qualcosa di inspiegabile che nemmeno Antonio Conte è riuscito a cancellare. Ma se il pari col Sassuolo aveva lasciato il sapore amaro della beffa nella bocca degli interisti, l’uno-due in coda al match del Tardini firmato De VrijBastoni evita all’Inter giorni di malumori, ma non la sfuriata che il tecnico riserverà alla squadra. Per 80’ la prova nerazzurra è nettamente insufficiente, poi il sussulto di orgoglio catapulta l’Inter in una nuova dimensione, trasformando una serata di frustrazione in notte di festa”, spiega La Gazzetta dello Sport.

“Difficile pensare che sia solo un caso: senza Conte in panchina l’Inter sembra più spenta, soprattutto a inizio gara. Approccio sbagliato, circolazione a rilento, niente furore ma tanta confusione. E Antonio – seduto in tribuna autorità su una poltroncina azzurra – non riesce a nascondere la preoccupazione e le telecamere vanno puntualmente a pizzicare le sue smorfie di tensione. Un leone in gabbia, che vorrebbe correre davanti alla panchina come fa sempre, trascinare la pressione alta dei suoi, telecomandare le ripartenze e i cambi di gioco. E in qualche modo potrebbe pure, vista l’assenza di pubblico. Ma la stima e la fiducia (infinita) per il suo staff lo tiene comunque a freno, seppur visibilmente preoccupato e quasi “scarico” di energie nervose”, aggiunge il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy