Vieri: “Le mie dirette? Nessun giornalista può fare quello che faccio. I miei ex compagni…”

Vieri: “Le mie dirette? Nessun giornalista può fare quello che faccio. I miei ex compagni…”

L’ex giocatore nerazzurro ha raccontato a CHI il progetto che sta portando avanti sui social con gli altri ex giocatori come lui

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Ogni sera tiene banco su Instagram con le sue dirette. Bobo Vieri in diretta racconta con i suoi ex compagni cosa succedeva quando giocava lui. Questo è quanto ha raccontato a Chi su quanto sta facendo per i suoi follower:

«Volevo fare dirette in un orario diverso rispetto a quello degli altri. Ho fatto una riunione con Ventola e Adani e alla fine siamo gli stessi della Summer Cup. Ci conosciamo da venti anni, la nostra è pura amicizia. La gente vuole sentir parlare di calcio vero. Raccontiamo le cose vere, gli aneddoti dì campo e spogliatoio. Non era così con i giornalisti. Quando scrivevano cose non vere. Diventavo antipatico come quella volta in conferenza stampa in cui dissi in conferenza stampa: ‘Sono più uomo io che voi tutti insieme’. Ma i miei compagni di squadra e i miei allenatori mi conoscono, per questo mi rispondono se chiamo per una diretta. Sanno di potersi fidare, io non metto in crisi nessuno. Adoro i miei ex compagni, abbiamo passato tanti anni insieme e so dove andremmo a parare, so dove portare la conversazione. Nessun giornalista può fare quello che faccio io: i programmi sportivi stanno chiudendo tutti, ci siamo solo io, Ventola e Adani. Se ci sarà un seguito? Ho dei progetti». 

«Sono stato uno dei giocatori più pagati della storia? Sono partito dall’Australia a 14 anni con una valigia e duecento dollari. Il mio sogno era giocare in Serie A e Nazionale ma sarebbe stato lo stesso se avessi giocato in Serie B o in Serie C, la passione è la stessa. Poi se mi hanno pagato tanto… vuol dire che ero forte».

(Fonte: CHI)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy