AS – Barcellona, Lautaro a tutti i costi: neanche l’ERTE ferma i blaugrana

Nonostante i problemi economici, il club catalano farà di tutto per arrivare al Toro

di Marco Astori, @MarcoAstori_

Le difficoltà economiche causate dall’emergenza Coronavirus non fermano il Barcellona. Il club catalano è consapevole che sarà difficile operare in sede di mercato la prossima estate con una situazione finanziaria compromessa, ma Lautaro Martinez resta l’obiettivo prioritario dei catalani. Secondo AS, i Blaugrana sanno di avere i conti sotto il controllo dello Stato spagnolo a causa dell’ERTE, ma ma ritengono che ciò non costituirà un ostacolo per affrontare l’operazione per l’argentino.

Ma cos’è l’ERTE? Acronimo di Expediente de Regulación Temporal de Empleo, è la possibilià per il club di sospendere i contratti dei suoi dipendenti o di addirittura licenziarli in una particolare condizione temporanea, come l’emergenza causata dal Covid-19. E questo potrebbe rappresentare una difficoltà in più per arrivare al Toro, considerando che il governo esaminerà nel dettaglio la situazione di chi si affiderà all’ERTE. Dal Barcellona, però, spiegano che questo è stato applicato ad altre aree del club, ma non alla prima squadra, con la quale si è giunti ad un accordo di adeguamento salariale.

Il club del Camp Nou è consapevole che, conseguentemente all’applicazione dell’ERTE sui suoi dipendenti, riceverà una maggiore pressione fiscale da parte del Ministero spagnolo delle Finanze. Ma dagli uffici della società spiegano ad AS che l’ispezione avviene ogni anno da dieci anni a questa parte. Non c’è dunque ansia in casa Barcellona, non avendo intenzione di fare pazzie in sede di mercato: la priorità è quella di ridurre il budget e il tetto salariale.

Il Barcellona, per arrivare all’attaccante dell’Inter, non sembra essere disposta a pagare l’intera clausola rescissoria di 111 milioni di euro, ma vorrebbe offrire 60 milioni cash più due contropartite.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy