Ansa – Conte, l’Inter non valuta l’esonero. Se si dimette c’è Allegri ma prima…

Ansa – Conte, l’Inter non valuta l’esonero. Se si dimette c’è Allegri ma prima…

Continua a far discutere lo sfogo di Antonio Conte al termine di Atalanta-Inter. La società, però, vuole proseguire con il tecnico

di Redazione1908

Continua a far discutere lo sfogo di Antonio Conte al termine di Atalanta-Inter. Anche l’agenzia di stampa Ansa dedica un ampio punto alle parole del tecnico interista, che ha attaccato duramente la società, rea di non aver protetto né lui né la squadra durante questa stagione.

Lo sfogo di Antonio Conte, tanto duro quanto inatteso, ha gettato di nuovo ombre sul suo futuro a Milano. Perchè per l’ennesima volta in stagione il tecnico ha messo nel mirino la società, senza andare per il sottile, anzi usando toni diretti e particolarmente duri, una rabbia che è sembrato covasse già da tempo e che ieri è esplosa in diretta televisiva.

Una società che non ha difeso lui e la squadra, qualcuno che è “salito sul carro” soltanto dopo il secondo posto, un presidente che “sta in Cina”, un ruolo da parafulmine per cui non vuole più essere sfruttato, le ormai famose talpe di Appiano che spifferano tutto all’esterno come già raccontato da Spalletti nelle scorse annate. Conte ha messo nel calderone tutto quello che non gli è andato bene in questa prima stagione di Inter, mettendo nel mirino soprattutto la dirigenza seppur senza fare nomi“, sintetizza l’Ansa

IL FUTURO

“Lo strappo con la società resta tanto evidente quanto clamoroso. E non è detto nemmeno che sia uno strappo ricucibile. Tutto ruota intorno alle valutazioni che Conte e la dirigenza faranno a fine stagione: da lì si capirà quanta è la voglia di proseguire insieme.

L’Inter, tuttavia, non sembra prendere in considerazione l’esonero, per ragioni economiche (ha un contratto fino al 2021 da circa 12 milioni l’anno) ma anche tecniche, visto il poco tempo per preparare la prossima stagione.

Resta sempre in ballo l’ipotesi che sia Conte a lasciare e in questo caso il sostituto potrebbe essere Allegri (altro spiffero che potrebbe non aver fatto felice il tecnico leccese), anche se prima ovviamente ci sarà un tentativo di ricucire i rapporti”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy