L’Inter ci prova per Zaccagni e non solo: Conte lo vuole subito. La strategia del club

Il club nerazzurro ha messo gli occhi su due giocatori del Verona

di Gianni Pampinella

L’Inter ci prova per Mattia Zaccagni e non solo. Non è un mistero l’interesse della società nerazzurra nei confronti del centrocampista del Verona classe ’95. Secondo quanto riporta l’Arena, il club di Setti non ha fretta e il primo passaggio per Zaccagni sarà quello di prolungare il suo contratto di almeno un anno. “Certo, lo “stato di necessità“ generato dall’emergenza Covid, capace di mandare in sprofondo rosso anche il calcio, induce il club centenario a vendere quando il momento è più propizio. Ed è proprio per questo motivo che quelli dell’Inter proveranno a fare subito il colpo Zaccagni. Come? Mettendo sul tavolo il cartellino di Eddie Salcedo. L’attaccante colombiano ha un valore di mercato che si aggira attorno ai dieci milioni di euro. Conte lo vuole subito“, sottolinea il quotidiano.

COME VEDERE INTER-TORINO IN STREAMING DOMENICA ALLE ORE 15

Getty Images

Difficile che a stagione in corso il Verona si privi di un giocatore come Zaccagni. “A fine stagione l’Inter tornerà alla carica con un’altra proposta che è stata anticipata: sei milioni di euro più il cartellino di Federico Dimarco valutato oggi non meno di 4.5 milioni di euro. Di Salcedo, naturalmente, in questa seconda ipotesi di trattativa, nessuna traccia“.

Marco Silvestri, Verona
Getty Images

Ma Zaccagni non è l’unico giocatore del Verona a fare gola all’Inter. Il club nerazzurro sta lavorando per il post Handanovic e ha messo nel mirino Marco Silvestri. “Il suo valore di mercato oscilla tra i cinque e i sei milioni. L’Inter ha intenzione di chiedere al Verona la possibilità di trattare il trasferimento a Milano del portiere, inserendo nella trattativa anche Ionut Radu, portiere romeno classe 1997. Possibilità di prestito o anche di cessione. Questo almeno arriva da Milano“.

(l’arena.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy