Materazzi: “Il Barça non fa più paura. Lukaku, Sanchez, Godin, ecco cosa penso. Questa Inter…”

Materazzi: “Il Barça non fa più paura. Lukaku, Sanchez, Godin, ecco cosa penso. Questa Inter…”

Le parole dell’ex giocatore intervistato da Marca

di Gianni Pampinella

Marco Materazzi ha fatto parte di quell’Inter che fu in grado di eliminare il Barcellona degli ‘alieni’. In vista della gara del Camp Nou tra Barça-Inter, l’ex difensore nerazzurro ha parlato ai microfoni di Marca.

Cosa dovrebbe fare l’Inter per vincere oggi?

“In primo luogo non deve prendere gol. Messi è ancora in dubbio per la gara. Vedremo cosa succede e se potrà giocare. Se non dovesse giocare, sarebbe un peccato per il calcio, ma molto bene per l’Inter perché Messi è il calcio”.

Messi, come lo fermi?

“È impossibile. Devi sperare che abbia una brutta giornata”.

Nel 2010, avete eliminato il Barça in semifinale. Cosa disse Mourinho?

“Ha insistito sul fatto che non dovevamo commettere errori se volevamo passare. È stato molto importante segnare in casa e lo abbiamo fatto. Quel Barcellona era una squadra quasi imbattibile, la più forte della sua storia. Dopo il risultato dell’andata siamo andati a Barcellona con fiducia, anche se sapevamo che con Messi in campo poteva succedere di tutto”.

Con l’espulsione di Motta, pensavi che fosse finita?

“Un po’ sì, soprattutto perché era ingiusta. Ma invece quella decisione che avrebbe potuto ucciderci e fare a pezzi, ha compattato il gruppo. Eravamo uno in campo, quelli che giocavano e quelli in panchina”.

Dice che l’espulsione è stata ingiusta, ma qui parlano ancora dell’arbitraggio di Benquerença all’andata.

“Parla, parla, parla … Le parole vengono spazzate via, ciò che rimane è che abbiamo vinto la Champions League quell’anno”.

Questa Inter sogna di vincerla di nuovo? Può farlo?

“Questa Inter deve prima prendere consolidarsi in Italia prima di pensare alla Champions League. Abbiamo visto che il Liverpool ha fatto un percorso di sei o sette anni giocando ad alti livelli prima di vincere la Champions League. Dopo molti anni, l’Inter deve consolidarsi prima in Italia”.

E questo Barcellona ​​è simile a quello del 2010?

Il Barcellona è sempre forte, ma ora non fa più paura ai rivali. Non è quello del 2010, quella squadra non tornerà mai più. Tutti giocavano a memoria, fenomeni. Ora ne hai tre o quattro nella squadra, ma prima erano dieci fenomeni e un alieno di nome Messi“.

L’Inter ha iniziato bene in questa stagione, qual è il suo segreto?

“È una squadra molto solida. Prende pochissimi gol. Tutti sono ben organizzati dietro la palla, è molto difficile giocare contro di loro”.

Qual è il contribuito di Conte?

“Ora la cosa più importante è la solidarietà. Non è mai facile iniziare quando arrivano così tanti nuovi giocatori e allenatore. L’Inter è in una fase di costruzione delle basi di una squadra”.

Uno degli acquisti è Godín, cosa può dare alla difesa dell’Inter?

“Ha un’esperienza enorme, sia nell’Atletico che a livello internazionale. Inoltre, ha il vantaggio della continuità nel suo gioco perché la filosofia di Simeone è molto simile a quella di Conte. L’adattamento sarà più semplice”.

I rinforzi offensivi provengono entrambi dallo United. Finora Alexis e Lukaku non hanno contribuito molto. Perché?

“Alexis è entrato poco perché è stato tra gli ultimi ad arrivare. La metodologia in Inghilterra è diversa da quella in Italia e devi essere paziente. Per quanto riguarda Lukaku, è un giocatore che si sacrifica molto per la squadra. Speriamo segni 20, 30 o 40 gol, ma anche di più. È un attaccante molto utile per la squadra a causa del lavoro che svolge”.

Ti viene ancora ricordato l’incidente che hai avuto con Zidane nella finale della Coppa del Mondo?

“Quello che è successo molto tempo fa è stato dimenticato da me e penso anche da lui. Non vale più la pena ricordare. Non ho alcun problema con Zidane e vorrei congratularmi con lui per tutto ciò che ha realizzato negli ultimi anni come allenatore”.

(Marca)

 

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy