Mourinho: “Eto’o era fantastico, meritava il Pallone d’Oro. Nella semifinale al Camp Nou…”

Mourinho: “Eto’o era fantastico, meritava il Pallone d’Oro. Nella semifinale al Camp Nou…”

Il grande elogio di Mourinho a Eto’o

di Marco Macca, @macca_marco

Insieme hanno scritto pagine di storia, hanno reso orgogliosi i tifosi dell‘Inter. L’eco delle loro vittorie tinte di nerazzurro sono ancora forti, quasi tangibili, imponenti come i loro nomi. Josè Mourinho e Samuel Eto’o, fra i protagonisti assoluti di quel leggendario 2010 in cui i nerazzurri vinsero il Triplete, sono rimasti molto legati nel tempo. E, dopo i recenti attestati di stima da parte dell’ex attaccante camerunense, ritiratosi da poco, ecco le parole dello stesso Mourinho, rilasciate a Cameroon Radio:

PALLONE D’ORO – “È difficile capire come Samuel Eto’o non abbia mai vinto il Pallone d’Oro con l’impressionante carriera che ha avuto. Samuel ha giocato per le migliori squadre nei migliori campionati del mondo e ha segnato un numero incredibile di gol, vincendo in diversi campionati. Ha giocato tre finali di Champions, vincendo due coppe con il Barcellona e segnando in entrambe le finali; ha vinto un’altra Champions con l’Inter vincendo un campionato di campioni all’Inter, vincendo anche tanti Scudetti. È stato il miglior marcatore del mondo per molti anni e penso che meritasse il Pallone d’Oro, ma queste sono cose al di fuori del nostro controllo. È stato un giocatore assolutamente fantastico”.

UOMO SQUADRA – “La cosa più importante per un calciatore è il suo contributo alle vittorie della sua squadra: Samuel è stato un grande giocatore, sia a livello individuale che collettivo, e ha sempre dato tutto il possibile per la sua squadra nell’inseguimento del successo. E’ un vincente. Era quasi un giocatore inarrestabile, ma la sua personalità è diventata davvero importante: era pronto a fare qualsiasi cosa per vincere le partite”.

AL CAMP NOU – “In occasione della semifinale contro il Barcellona al Camp Nou, siamo rimasti in 10 uomini e lui ha giocato tutta la partita quasi da difensore, sacrificandosi per la squadra e aiutandoci a raggiungere la vittoria. In quella partita non dovevamo segnare, dovevamo solo andare in finale e lui ha fatto tutto il necessario affinché accadesse“.

(Fonte: Cameroon Radio via BBC)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy