Skriniar: “Prima dell’operazione vedevo solo al 40%. Futuro? Nel calcio, mi piacerebbe…”

Skriniar: “Prima dell’operazione vedevo solo al 40%. Futuro? Nel calcio, mi piacerebbe…”

Le parole del difensore slovacco a proposito dei suoi inizi di carriera e del suo futuro

di Redazione1908

Milan Skriniar è un pilastro fondamentale e insostituibile dell’Inter di Luciano Spalletti. Lo è diventato praticamente da subito. In una lunga intervista racconta come gli inizi nel calcio slovacco non siano stati però facili. Il difensore descrive gli inizi della sua carriera e delle prime difficoltà: “Non giocavo all’inizio, mi ero bloccato alla schiena. Quando ti siedi per un anno e mezzo e non ottieni lo spazio, tendi a guardare altrove. Non hai alcun gusto e non hai più molta autostima”. Poi il cambio di allenatore: “Quello che prima era brutto e cupo, è diventato colorato. La pazienza e la volontà di sopportare, a volte, è la cosa più importante che una persona possa fare. Se avessi rinunciato dopo i primi mesi e fossi tornato a Žiar, avrei potuto chiudere definitivamente con il calcio. Tutto è nella testa e in ciò che si vuole veramente. Se è fatto al 50%, è meglio tossire. Se vuoi fare qualcosa in in futuro, devi dare tutto”.

Dispersione di talenti nel calcio: “Molti ragazzi di talento percepiscono la loro scelta per il calcio come un impegno. Non tutti trovano comprensione a casa, in famiglia. La perdita di talenti può essere vista anche da come è la società di oggi. In campo o in strada non ci sono più ragazzi che giocano a pallone. Alla fine della mia carriera? Mi piacerebbe rimanere nel calcio. Vorrei condividere le mie esperienze, ad esempio occupandomi di formazione e allenando. “

Operazione agli occhi (Milan aveva deciso di farla perché non vedeva bene da lontano): “Nella clinica di Bratislava la dott.ssa Smoradkova mi ha comunicato che in realtà vedevo solo al 40%. Dopo l’intervento chirurgico la mia vista è migliorata del 150% “.

(Tvnoviny.sk)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy