Lautaro, il primo allenatore: “L’Inter una big, lì può migliorare. Ma è pronto per il Barça”

Lautaro, il primo allenatore: “L’Inter una big, lì può migliorare. Ma è pronto per il Barça”

Parla l’ex direttore tecnico di Lautaro

di Marco Macca, @macca_marco

A Bahìa Blanca, nessuno ha dimenticato Lautaro Martinez. E ora che il suo nome circola con insistenza in ottica Barcellona, dall’Argentina tutti sono concordi nel considerarlo pronto per una maglia da titolare in blaugrana. Anche se, ovviamente, bisognerà fare i conti con l’Inter, che giustamente non ha alcuna intenzione di perdere a cuor leggero uno dei migliori talenti avuti in squadra negli ultimi anni. Intervistato da Racing de Alma, Alberto Desideri, primo allenatore di Lautaro ad Avellaneda, si è detto convinto: l’Inter è una big, ma Lautaro è pronto per il Barça. Ecco le sue parole:

DEBUTTO – “Il suo debutto? Abbiamo perso 2-0 con il Puerto Comercial e nel secondo tempo ho chiamato lui e un altro giovane. Gli ho detto di fare quello che sapeva fare. La prima palla che toccò si sistemò e la inchiodò sul palo destro del portiere. Sì, e non finisce qui. Dopo un po ‘prese una palla da dietro, si girò e pareggiammo. Lì ci siamo resi conto che era di un altro livello. Faceva la differenza anche giocando con i ragazzi più grandi. E sì, si capiva che era diverso.“.

IN ALLENAMENTO – “Era un ragazzo con molto temperamento. Da quando era un ragazzo sapeva che sarebbe diventato un professionista. Era convinto fin da piccolo. E oltre a dirlo, lo ha mostrato. Si comportava come un professionista. Non gli piaceva perdere nemmeno in allenamento“.

NO DI BOCA E RIVER – “Ho avuto molte aspre conversazioni con i dirigenti di River e Boca. Ricordo che vennero a vederlo perché aveva segnato circa 40 gol in un torneo. Ricordo che uno di loro mi disse: ‘Non conosci gli attaccanti che ha il Boca del ’97, sono animali’. E gli ho detto: ‘Guarda, questo ragazzo ha fatto più di 40 gol in un campionato che, sebbene non sia AFA, è molto competitivo’. Sentono di avere il meglio ed è per questo che finiscono per perdere tanti talenti. Non gli diedero una palla. Fino a quando un giorno Radaelli (Fabio, ex coordinatore delle Accademie inferiori) venne e lo portò a Racing“.

TANDEM CON LUKAKU – “Adoro Lukaku. Riesci a immaginare di essere un difensore e dover sopportare quelle due bestie?“.

BARCELLONA – “Ma come può non giocare nel Barcellona? L’Inter non è una squadra qualunque. Sta giocando in una big, può farlo anche in un’altra. È già arrivato al livello Champions. Deve prendersi cura di se stesso, cercare di non lasciarsi andare. Tuttavia, conoscendolo, è un ragazzo professionale, preparato per questo“.

INTER – “All’Inter potrà migliorare ancora di più in tutto. Riesce a emergere perché ha giocatori di prim’ordine accanto. Inoltre, ha più spazio per giocare. Se tutto il bene che fai funziona è perché gli altri sanno cosa devono fare…“.

(Fonte: Racing de Alma)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy