No minusvalenze: ecco prezzo e valore a bilancio di Eriksen. L’Inter risparmierebbe quasi 5mln

Tutti i numeri di Eriksen e dell’eventuale trasferimento del danese

di Marco Macca, @macca_marco

E’ fatto ormai arcinoto: Christian Eriksen è sul mercato e pronto a lasciare l’Inter. A confermarlo anche le parole di Beppe Marotta, amministratore delegato sport nerazzurro, prima della partita di ieri contro l’Hellas Verona. L’obiettivo della società è quello di cedere il calciatore a titolo definitivo, per ricavare una somma tale da permettere gli investimenti richiesti da Conte nella lotta scudetto. Di certo, però, l’Inter non ha alcuna intenzione di svenderlo e di fare così minusvalenza dalla sua eventuale cessione.

Come riporta Calcio e Finanza, il valore a bilancio dell’ex Tottenham al 31 dicembre 2020 sarà di 21,37 milioni (era di 24,422 milioni, con una quota di ammortamento pari a 2,576 milioni al 30 giugno). L’Inter, dunque, non scenderà sotto quella cifra. Ma il risparmio è comunque assicurato, visto anche l’importante stipendio di Eriksen:

Eriksen ha un ingaggio da 7,5 milioni netti all’anno (9,9 milioni lordi grazie agli sgravi fiscali previsti dal Decreto Crescita) e con la sua cessione i nerazzurri risparmierebbero 4,45 milioni, ai quali aggiungere – nel caso – un’eventuale plusvalenza. Fino ad ora, il peso del calciatore sui conti dei nerazzurri è stato pari a poco più di 7 milioni sul bilancio 19/20 e a circa 7,5 milioni nel 2020/21 (con una quota ammortamento più alta per questi sei mesi, poco più di 3 milioni)“, conclude Calcio e Finanza.

(Fonte: Calcio e Finanza)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy