Inter, per Lautaro servono almeno 90 milioni cash. Già definito il piano per il sostituto

I nerazzurri avvisano il Barcellona, fissata la base economica per trattare la cessione dell’argentino

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

L’Inter non intende concedere sconti per Lautaro Martinez: la dirigenza nerazzurra è disposta ad accettare contropartite tecniche, a patto che soddisfino le esigenze di Antonio Conte e che la parte economica sia decisamente sostanziosa. Tanto che, secondo La Gazzetta dello Sport, sarebbe già stata fissata una cifra sotto la quale è impossibile trattare: “C’è una cifra cash sotto la quale il club nerazzurro non ha intenzione di scendere, per sedersi a trattare: 90 milioni di euro. Se quella è la base, poi si può decidere di affrontare anche il discorso delle contropartite tecniche da inserire nell’affare. Contropartite che non siano riempitivi e/o giocatori infilati per mere logiche di plusvalenza, ma che l’Inter reputi calciatori validi per il progetto tattico di Antonio Conte“.

IL SOSTITUTO – “Werner è sul taccuino del club di Zhang. Già a dicembre i dirigenti nerazzurri avevano sondato il terreno con gli agenti del tedesco, per capire la situazione. La pista è viva. È evidentemente collegata all’affare Lautaro, dunque alla cessione del Toro. Ergo: l’Inter non può affondare con il Lipsia prima di aver capito fino in fondo il destino di Lautaro“.

IL PIANO – “Werner ha una situazione per certi versi simile a quella di Lautaro. Anche il tedesco ha una clausola rescissoria, del valore di 60 milioni di euro, esercitabile entro metà giugno. Impossibile che l’Inter possa decidere di sfruttarla, senza aver chiuso in uscita il discorso Lautaro. Ma con il Lipsia l’Inter potrebbe decidere di trattare, trovando un accordo che vada oltre i 60 milioni fissati sul contratto dell’attaccante“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy