Conte: “Brozovic e Skriniar out, ecco perché. Eriksen? Ansia solo vostra. Europa League conta”

Conte: “Brozovic e Skriniar out, ecco perché. Eriksen? Ansia solo vostra. Europa League conta”

Le parole di Antonio Conte alla vigilia di Ludogorets – Inter, gara d’andata dei sedicesimi di finale di Europa League

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

RAZGARDVigilia di Europa League per l’Inter che domani sera (ore 18.55) affronterà per la gara d’andata dei sedicesimi di finale il Ludogorets, formazione bulgara attualmente in testa al proprio campionato. Il tecnico nerazzurro, Antonio Conte, come di consueto, ha risposto alle domande dei cronisti presenti in sala stampa. FcInter1908 vi riporta la diretta testuale con le parole dell’allenatore dell’Inter che è stato accompagnato in sala stampa da Andrea Ranocchia.

Le prime parole del tecnico rilasciate ai microfoni di Sky: “Come sta la squadra? La squadra sta bene, affronteremo la gara nella giusta maniera. All’Olimpico risultato negativo non la prestazione. Questa è un’altra gara, altra competizione, ci teniamo a far bene e affronteremo la gara con la giusta motivazione. Tournover? Ci saranno rotazioni è inevitabile, giocando tanto in pochi giorni è giusto fare delle rotazioni e dare possibilità a calciatori che meritano di giocare e non l’hanno fatto domenica. Sarà una competizione faticosa e stancante ma abbiamo voglia di far bene e manderò in campo la miglior formazione. Eriksen? Sto studiando di nuovo l’inglese perchè devo parlarlo, inserimento positivo, vedo troppa ansia da parte vostra, poca serenità, da parte nostra c’è serenità, nostra e del giocatori, siamo molto sereni”

Il tecnico si sposta in sala conferenza insieme ad Andrea Ranocchia. Queste le risposte alle domande dei colleghi presenti sala stampa: “Parliamo di una squadra che è abituata a fare competizione europee, in testa alla classifica con margine sulla seconda, una buona squadra che dovremo affrontare con la giusta determinazione e umiltà per fare del nostro meglio. Affrontiamo una squadra che sta bene, in salute e dovremo fare attenzione”

GIOCATORE PIU’ PERICOLOSO – “Un calciatore che ha giocato anche in Italia, non mi piace parlare dei singoli perchè considero i successi frutto di lavoro di squadra. Il Ludogorets ha buona qualità, una buona fase offensiva, dovremo avere grande rispetto, abbiamo lavorato sapendo quali sono i loro pregi e i loro difetti”

SANCHEZ – “Ha avuto un brutto infortunio, ora è pronto per giocare. Ha bisogno di trovare la forma migliore per aiutarci a raggiungere i risultati. Negli ultimi due anni non ha giocato molto, ora ha bisogno di tornare in condizioni fisiche buone”

POST LAZIO – “La sconfitta brucia per il risultato finale non per la prestaizone. E’ stata una buona prestazione contro una squadra dipinta come una delle più in forma del campionato, dispiace per il risultato, i nostri gol sono stati due regali, dobbiamo ripartire con la voglia di migliorare, abbiamo una competizione europea e dobbiamo onorarla al meglio”

CRESCERE A LIVELLO INDIVIDUALE – “Ogni singolo giocatore deve pensare a migliorare se stesso e non sperare in chi gli sta accanto. Io parlo di crescita individuale perchè con questa si migliora nel collettivo e si arriva a un miglioramento di tutta la squadra”

ESPERIMENTI  – “Brozovic è rimasto a Milano perchè sta continuando ad accusare problemi alla caviglia, è stato a parte non si è allenato e voglio che si faccia un programma perosnalizzato. Skriniar non avrebbe giocato e ho preferito che restasse a casa per recuperare. Gli altri sono tutti abili e arruolati”

Le parole di Andrea Ranocchia: “Dico sempre che quando un giocatore o chiunque fa parte di questa società deve avere ambizioni alte, per arrivare a grandi traguardi bisogna passare attraverso piccoli step e migliorare dentro e fuori dal campo. Questa è una competizione importante e dobbiamo onorarla al meglio e ragionare gara dopo gara a cominciare da domani. Assenza di Handanovic? Non cambia nulla, un compagno di squadra come ne cambiano tanti, noi abbiamo massima fiducia in chi gioca, da luglio ci stiamo facendo il mazzo, poi ci sono ruoli dove è più facile o meno, certo che se sostituisce Handanovic hai tutti gli occhi puntati addosso, noi abbiamo grande fiducia in lui ed è la base per creare un gruppo vincente. Tutto il resto lo avete creato voi, noi siamo allineati verso il nostro obiettivo a prescindere da chi giochi. Inter più forte in cui ho giocato? Dobbiamo dimostrarlo, siamo a febbraio, io lo spero perchè vorrà dire che avremo tirato su qualche trofeo, ora dobbiamo tirare fuori tutto quello che abbiamo da qui alla fine, spero di poterlo dire a fine anno”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy