Inter, Conte: “Il derby ha portato via tanto. Eriksen ragazzo serio. Noi come la Juve? Dico…”

Inter, Conte: “Il derby ha portato via tanto. Eriksen ragazzo serio. Noi come la Juve? Dico…”

Le parole dell’allenatore nerazzurro dopo il match di Coppa Italia contro il Napoli

di Marco Macca, @macca_marco

L’amarezza non può che essere tanta, perché solo qualche giorno dopo la vittoria magica nel derby, l’Inter cade a San Siro in un match importante come quello della semifinale d’andata di Coppa Italia contro il Napoli. Ora, la qualificazione alla finale della competizione si fa dura. Molto dura. Ai microfoni di Rai Sport dopo la partita, Antonio Conte ha espresso le sue sensazioni:

NAPOLI IN DIFESA – “Il Napoli è venuto a San Siro a fare una partita difensiva, con tutti gli uomini sotto linea di metà campo. Mertens attaccava Brozovic e chiudeva gli spazi. In questi casi, bisogna essere più veloci e cercare l’uno contro uno. Detto questo, complimenti al Napoli. Il derby ha portato via tantissime energie nervose. Ma oggi ho fatto 5 cambi, c’era linfa nuova. Stiamo parlando comunque del Napoli, che ha valori importanti, al di là del fatto che oggi in classifica sia indietro. Quando batti squadre come Lazio, Juventus, Inter e Liverpool, significa che hai valori importanti. Dopo la Juventus ha la rosa migliore del campionato. Il Milan ha giocato in maniera molto più aperta, avevamo più spazi. Oggi il Napoli ha chiuso gli spazi, è stato bravo Gattuso. Noi non siamo riusciti a trovare gli spazi giusti. Alla fine della fiera non avremmo rubato niente se la partita fosse finita come minimo in parità”.

ERIKSEN – “Eriksen ha qualità, deve trovare intensità nel gioco. Non dimentichiamo che in 6 mesi non ha giocato tantissimo. Lo sta facendo, è un ragazzo serio e sta facendo bene”.

DERBY – “Quando troviamo squadre così arroccate nella loro metà campo bisogna essere più bravi nel giro palla, bisogna saltare l’uomo. Oggi c’era un Napoli chiuso, ma con giocatori di qualità. Il derby ha portato via energie. Siamo all’inizio di un percorso, se qualcuno pensa che siamo al livello di altri e di chi ha comandato per tanti anni, dico che siamo lontani. Prendiamo anche queste sconfitte per cercare di migliorare“.

(Fonte: Rai Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy