Gds – Inter spiazzata, doccia fredda dal Governo: il motivo. E nasce un enorme interrogativo

La reazione del club alle parole di Conte e del Ministro Spadafora

di Marco Astori, @MarcoAstori_

In casa Inter era tutto pronto per la ripresa. Stranieri rientrati, Suning Training Centre allestito a dovere. Poi le parole del Presidente Conte e del Ministro Spadafora: gli allenamenti sportivi a squadre riprenderanno il 18 maggio. E la notizia, come riporta La Gazzetta dello Sport, ha davvero spiazzato la dirigenza: “È stata una doccia fredda: L’Inter come altri club professionistici, aspettava le comunicazioni del Governo di ieri per approntare un piano operativo per la ripresa degli allenamenti il 4 maggio. In casa nerazzurra erano praticamente pronti per garantire allenamenti individuali nel centro Suning di Appiano. Il rinvio di altri 14 giorni, e i seguenti dubbi anche su quella data del ministro Spadafora hanno costretto a ripensare il tutto, oltre a far nascere interrogativi sulla reale possibilità di concludere il campionato.

Il centro Suning di Appiano Gentile è dotato di cinque campi di gioco, il che permetteva di pensare ad allenamenti individuali per tutta la rosa, magari divisa in due fasi della giornata, senza uso di spogliatoi. Dopo quasi due mesi di lontananza il rientro ad Appiano avrebbe permesso se non altro di sostenere test fisici e fare un punto sulla condizione dei giocatori, che seppur sottoposti a un programma definito e seguiti anche via Zoom, si sono pur sempre allenati da soli in casa. Bisognerà aspettare almeno altre due settimane (tre da oggi), con buona pace degli stranieri che erano tornati in patria e sono stati richiamati dopo pochi giorni, già a Pasqua, pe evitare che la seguente quarantena potesse ritardarne il ritorno all’attività. Lukaku e compagni invece dal 4 maggio potranno allenarsi nei parchi cittadini (difficile immaginarlo), ma non al centro sportivo del club”, si legge.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy