L’Inter prova la scalata da 14 milioni in Europa League. Conte cerca l’abito giusto per Eriksen

L’Inter prova la scalata da 14 milioni in Europa League. Conte cerca l’abito giusto per Eriksen

Dopo la sconfitta con la Lazio, l’Inter torna in campo col Ludogorets e per il debutto in Europa League c’è anche Eriksen

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Dopo la sconfitta all’Olimpico con la Lazio, l’Inter scenderà di nuovo in campo questa sera per l’Europa League contro il Ludogorets. Sfumati gli ottavi di Champions League, l’Inter vuole comunque andare vanti in Europa e Conte ieri in conferenza ha chiesto umiltà per la sfida di questa sera. 

“È una questione di obiettivi. Del campionato non vi è certezza, la sconfitta con la Lazio ha fatto scendere i nerazzurri al terzo posto. Della Coppa Italia men che meno, tra due settimane al San Paolo, nel ritorno delle semifinali, non sarà facile ribaltare la sconfitta per 0-1 a San Siro contro il Napoli. L’Europa League può diventare una bella camera di compensazione. L’impresa è fattibile, Quest’Inter può competere senza problemi con Manchester United, Arsenal, Ajax, Siviglia, Roma, Eintracht, Benfica, Porto, Shakhtar, i nomi grossi in gara. Servirà volontà, occorrerà trasformare l’Europa League in un bisogno primario e non declassarla a impiccio del giovedì. Le motivazioni forti non mancherebbero. Nessuna formazione italiana ha mai vinto questo trofeo, discendente della vecchia Coppa Uefa, e l’ultima nostra squadra ad aver vinto una delle due classiche coppe europee è stata proprio l’Inter, con la Champions del 2010, dieci anni fa.

Antonio Conte si è appuntato sul petto tre scudetti, una Premier League e coppe nazionali cariche di gloria come la FA Cup, ha portato la Nazionale ai quarti dell’Europeo, ma gli manca un trofeo internazionale. Non il massimo per un allenatore globale come lui. Nel 2014, alla Juve, avrebbe potuto prendersi proprio l’Europa League, però non ci credette abbastanza, forse distratto dalla corsa per lo scudetto dei 102 punti, e venne eliminato in semifinale dal Benfica. Peccato, perché un euro-trofeo, seppure secondario rispetto alla Champions, proietta una luce diversa su una carriera”, spiega La Gazzetta dello Sport.

“L’Europa League non paga come la Champions, ne è la cugina povera, ma qualcosa rende, non poco se si ha la costanza di arrivare in fondo. La vittoria finale frutterebbe 14 milioni di soli premi elargiti dall’Uefa, senza contare gli introiti da incassi – i tifosi hanno fame di Inter e riempiono sempre San Siro – e il market pool, la ridistribuzione dei diritti televisivi. Volare a Danzica, in Polonia, dove il 27 maggio si giocherà la finale, potrebbe dare una sistemata al bilancio. E poi l’Europa League offre a Conte la possibilità di esplorare vie nuove. Ci riferiamo a Eriksen, magnifica eccezione del mercato di gennaio. Il danese non è per niente il più contiano dei giocatori, ma è un gran giocatore”, aggiunge il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy