Mercato – La verità sul caso Vidal, il volo cancellato e la possibile retromarcia dell’Inter

Mercato – La verità sul caso Vidal, il volo cancellato e la possibile retromarcia dell’Inter

Arturo Vidal sta ancora aspettando che si liberi il posto all’Inter per completare il trasferimento

di Redazione1908

Arturo Vidal all’Inter è una trattativa destinata ad andare per le lunghe. Dopo i tentativi dell’anno scorso, sfociati in un nulla di fatto, l’Inter ha tentato nuovamente l’assalto al cileno quest’anno. E stavolta, l’operazione è andata in porto.

Allora perché Vidal non è ancora a Milano? Ieri, da Barcellona, si era sparsa la voce di un volo prenotato e cancellato all’ultimo secondo. Niente di tutto questo, come già aveva fatto sapere Fcinter1908. Non c’era alcun volo previsto per Vidal.

Arturo non era atteso ieri e non ha mai avuto il via libera dall’Inter a viaggiare. Questo perché un diktat di Suning è molto chiaro: la dirigenza vuole confermare a Zhang che la linea verrà seguita, deve andare via un giocatore prima di prendere Vidal ufficialmente. Quel giocatore da giorni è stato individuato in Diego Godin, in contatto costante tra i suoi avvocati e il Cagliari per sbloccare un’altra operazione delicata sulle cifre che l’Inter dovrebbe comunque parzialmente garantire all’uruguaiano per il trasferimento a zero in Sardegna. Solo quando sarà sbloccata una cessione, Vidal potrà presentarsi a Milano e prendere quel volo. Ma non ci sono dubbi: andrà all’Inter, non sono previsti scenari diversi. In Catalogna si è vociferato di una retromarcia non prevista, nessuno vuole tirarsi indietro, né l’Inter né Arturo stesso. Anzi: il club nelle scorse ore ha rassicurato il giocatore sul contratto biennale che lo attende, nessuna ombra all’orizzonte. Solo pazienza, tanta pazienza. Ma non vale solo per l’Inter: il Barça stesso non può prendere Depay finché non vende Suarez. Anche questo è il mercato 2020″, sottolinea Fabrizio Romano su Calciomercato.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy