FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Paolillo: “Inter-Pif? Solo Zhang sa. Prima o poi avranno una big. La Cina non riapre perché…”

Paolillo: “Inter-Pif? Solo Zhang sa. Prima o poi avranno una big. La Cina non riapre perché…”

L'argomento più caldo, in casa Inter, continua a essere la possibile trattativa tra il fondo sovrano saudita (PIF) e Suning

Marco Macca

L'argomento più caldo, in casa Inter, continua a essere la possibile trattativa tra il fondo sovrano saudita (PIF) e Suning per la cessione del club nerazzurro. Sull'argomento, intervenuto al canale YouTube di Gianluca Rossi, l'ex amministratore delegato interista Ernesto Paolillo ha affrontato il tema con queste dichiarazioni:

Getty

C'è fondamento sulla trattativa PIF-Inter?

Se c'è o non c'è un fondamento lo sa solo Zhang. Queste trattative, se ci sono, avvengono solo tra il compratore, specialmente in un caso come il fondo sovrano di un Paese enorme, potente e ricchissimo come l'Arabia Saudita, e Suning. Per cui, credo che queste cose non passino nemmeno per gli uffici di Milano".

Le parole di Marotta e di Zhang, che hanno ribadito la voglia di Suning di continuare, non escludono dunque che ci sia davvero una trattativa con PIF?

Assolutamente no. Però credo che effettivamente che la data del 19 novembre sia irrealistica. In tempi così brevi non si fa nulla. Non è iniziata nemmeno la due diligence.

Sei sereno sulla situazione dell'Inter?

Non sono sereno per niente. La situazione è quella che è, in Cina e in tutto il comparto asiatico si vive una fase preoccupante. Non dimentichiamo che, solo nell'ultimo mese, i prezzi delle materie prime in Cina sono aumentati del 13%. La Cina così diventa inevitabilmente meno competitiva. In questo momento vedo difficile per la Cina riaprire le porte a investimenti esteri che non siano basati sulla mera produttività e che siano basati solo sul calcio, che non è negli interessi dei cinesi.

E' prevedibile, dunque, che Suning debba mollare alla lunga. Ora, però, ci sono state le firme per lo stadio e il progetto Superlega sembra poter ripartire...

Mollare ora sarebbe assolutamente diseconomico. Ciò che dà valore ai club di calcio è lo stadio di proprietà, perché permette di arricchire i ricavi in una maniera notevole, se fatto funzionare intelligentemente.

Se PIF vuole l'Inter, perché ha preso il Newcastle?

Il principe è sempre stato estremamente tifoso delle squadre inglesi e del Newcastle, è una questione di cuore. Se ci può essere anche l'Inter dopo il Newcastle? Assolutamente sì. Il futuro nell'industria calcio è nella rete di squadre. La logica porta a escludere nell'immediato che bin Salman e Zhang si siedano a un tavolo per discutere, ma per il futuro non si sa mai. Un Paese forte, potente e amante del calcio come l'Arabia Saudita, che vede i cugini del Qatar essersi fatti un nome all'interno del calcio, vuoi che stia fuori dal calcio? Che si chiami Inter o un'altra squadra, senz'altro l'interesse per un grande club europeo prima o poi l'avranno.

L'Inter di oggi?

I punti di forza dell'Inter non sono tanto nella squadra, quanto nella dirigenza. L'Inter può vendere chiunque, ma non Marotta e Antonello.

tutte le notizie di