AS: “Inter, Lautaro vuole l’addio: Messi l’ha chiamato”. E c’è la confessione inequivocabile

Il Toro, stando al quotidiano, sembra aver deciso: vuole andare al Barcellona

di Marco Astori, @MarcoAstori_

E’ un vero e proprio bombardamento quello che quotidianamente fuoriesce dalla Spagna in merito al futuro di Lautaro Martinez. E’ ormai storia nota il forte interesse del Barcellona nei confronti dell’argentino, ma l’Inter è stata chiara: o 111 milioni cash, oppure il Toro resta a Milano. Ma AS, noto quotidiano spagnolo, svela ulteriori dettagli in merito all’affare: “Lautaro sogna di andare a Barcellona. Sebbene preferisca pubblicamente rimanere in silenzio, l’argentino ha ormai ‘confessato’ a sé stesso di voler andarsene il più presto possibile. Fonti vicine al giocatore hanno spiegato che Lautaro ha scelto il Barcellona dopo aver ricevuto una chiamata da Messi a marzo“, si legge

La complicità tra i due va oltre a qualcosa di mediatico, prosegue AS: i due sono in contatto mensile dopo il Mondiale 2018 e alcuni ex compagni del Toro hanno spiegato che già nel 2014 Lautaro avrebbe voluto giocare in squadra con la Pulce. L’ammirazione del classe ’97 per il connazionale è altissima e il giocatore sembra essere pronto a forzare la mano per raggiungerlo in Catalogna: come fatto, tra l’altro, ai tempi del Racing per andare all’Inter.

Lautaro è però consapevole che la trattativa non è per nulla facile: la clausola rescissoria da 111 milioni è molto alta e il Barcellona deve trovare un’altra via per portarlo al Camp Nou. L’entourage del giocatore, però, spiega il quotidiano spagnolo, è ottimista per la buona riuscita dell’affare e spera che il club Blaugrana riesca definitivamente a convincere il presidente Steven Zhang. La chiamata di Messi non sembra però essere l’unico fattore che ha convinto Lautaro. Dopo il suo gol al Camp Nou dello scorso ottobre, avrebbe confessato ai familiari che lo stadio l’aveva davvero impressionato. Che sia dunque la svolta decisiva?

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy