Conte ritiene l’ultima voce offensiva, reazione furiosa. E non è un caso che Allegri…

Conte ritiene l’ultima voce offensiva, reazione furiosa. E non è un caso che Allegri…

Antonio Conte è concentrato sull’Europa League: l’Inter ha un’occasione unica, la chance di arrivare ad una finale europea dopo 10 anni

di Redazione1908

La reazione di Antonio Conte non si è fatta attendere. Il caos in casa Juvnetus, esploso pochi giorni dopo la sfuriata dell’allenatore dell’Inter in quel di Bergamo, ha subito fatto pensare ad un avvicinamento tra Conte e i bianconeri. Niente di più falso.

Conte ha subito esternato il suo fastidio in un comunicato all’agenzia Ansa.

Conte non ha avuto alcun tipo di contatto con Andrea Agnelli o con i suoi uomini, si sente lontano dal progetto Juve ormai da tempo e soprattutto non vuole minimamente che si pensi che i suoi sfoghi sul pianeta Inter siano segnali per la Juve. Niente di tutto questo, una chiave di lettura che ritiene offensiva per il suo modo di lavorare e di dedicarsi alla causa”, scrive oggi Fabrizio Romano su Calciomercato.com.

Assoluta dedizione alla causa Inter. Fino alla fine dell’Europa League. E dopo? Dopo ci sarà il chiarimento tra Conte e la società/proprietà. L’esito? Impossibile dirlo ora, ora l’attenzione è solo rivolta al campo.

“Tutto aperto nel tentativo di ricomporre una frattura profonda. Non a caso Massimiliano Allegri non è neanche spuntato per i nomi della panchina della Juventus, bensì è un’idea dell’Inter qualora Conte decidesse di fare un passo indietro. Ma le priorità oggi sono altre”, sottolinea Romano.

Sì, oggi la priorità si chiama Bayer Leverkusen.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy