Wanda: “In casa siamo in dieci a mangiare, litigo con il papà di Icardi. Con le mie amiche…”

Wanda: “In casa siamo in dieci a mangiare, litigo con il papà di Icardi. Con le mie amiche…”

L’intervista della moglie di Mauro alla rivista Caras

di Redazione1908

Wanda Nara ha deciso di isolare la sua famiglia il 26 febbraio. In quel giorno era al telefono con il pediatra e medico di famiglia che le ha detto una frase precisa e lei non ha tentennato nemmeno un secondo. “Wanda: questo è un virus terribile e la situazione peggiorerà sempre di più”. E così Wanda è tornata in auto da Roma a Milano, ha preparato tutto l’occorrente per i figli (il materiale scolastico) e ha portato la famiglia a Parigi (dove vivono con Mauro Icardi) facendo partire un isolamento che all’inizio era stato giudicato eccessivo (Maxi Lopez invece ha applaudito, per una volta).

La percezione della realtà “È molto triste. Mi arrabbio molto con coloro che non rimangono in casa anche se ovviamente ci sono persone che devono lavorare ed è molto più difficile per loro. Ma è una situazione molto pericolosa, molto rischiosa e non so se le informazioni arrivino davvero in Argentina su ciò che si sta vivendo. È una situazione molto seria e molto triste. A volte senti i numeri e pensi che siano solo numeri. Il problema è quando inizia a toccarti da vicino. Sfortunatamente, in Italia o Milano, il picco atteso di contagi o morti non è stato ancora raggiunto. Ma capisco che forse in Argentina non lo capiscano ancora perché in Francia è successa la stessa cosa… Quando ho parlato dell’Italia mi hanno detto che stavano esagerando”.

Il papà di Icardi: “Sì, mio ​​suocero vive con noi. Era venuto per il compleanno di Mauro, per lui a causa dell’età la situazione è rischiosa. Un po’ per tutti in realtà. È un nuovo virus che dicono “non attacchi i bambini” ma è ancora una nuova malattia per tutti. Come sono organizzata con il cibo? La verità è che non sono andata al supermercato e non ho fatto un acquisto enorme perché mi sembra offensivo. L’alcool in gel non è disponibile da molto tempo. Ho trovato alcune bustine nel portafoglio perché avevo quelli piccoli che si comprano negli aeroporti per i bambini. Ma vivo giorno per giorno con piccoli acquisti. Online non mi vendono più nulla, almeno in Francia e in Italia è così. Siamo in dieci a mangiare ogni giorno. Ci sono le due ragazze che lavorano in casa, che sono rimaste rinchiuse con tutta la famiglia. Improvvisamente, il frigorifero non dura molto ed essendo tutto il giorno rinchiusi, non fai altro che mangiare costantemente. Ma è incredibile in questo momento come i bambini, e dopo aver letto un articolo che un amico mi ha inviato, non si ammalino perché hanno le difese più alte. Abbiamo giorni di alti e bassi e di “non mi sono alzato dal letto tutto il giorno”. Sabato, con le mie amiche, ci sforziamo e prepariamo un antipasto via FaceTime, che è l’aperitivo tipico che facevamo in Italia. Alle 19.30 ci siamo collegati tutti con un bicchiere in mano, uno con un mate, un’altra con uno champagne, un’altra ancora un vino, per fare qualcosa di diverso…”

Wanda in cucina: “Ho sempre cucinato ma ora, veramente, non devo farlo così spesso perché c’è mio suocero che è un cuoco. Ci ha salvato la vita e mi dice: “Avevi pianificato tutto”. Ieri litigavamo per chi dovesse preparare il risotto e gli ho detto: “Questo non ti succederà sempre, solo nel periodo di quarantena”.”

LEGGI QUI LA ROUTINE DI WANDA E MAURO IN QUARANTENA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy