Bergomi: “Non lasciamoci ingannare dai nomi dell’Inter. Il Milan è forte, non si nasconda”

L’ex difensore nerazzurro commenterà da San Siro il derby di Milano e ha parlato benissimo dei rossoneri

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

«Che Inter-Milan sarà? Il peso è su tutte e due le squadre. Non ci dobbiamo fare ingannare dai nomi dell’Inter perché il Milan è forte, ha il portiere più forte, ha Ibrahimovic, ha Hernandez, Kessie e Bennacer, i trequartisti sono giocatori importanti. Dall’altra parte c’è più leggerezza ma anche il Milan non può nascondersi. L’Inter ha l’obiettivo di vincere ma i rossoneri devono trovare certezze. È una squadra che ha un’identità forte. Ha preso Tonali che è una riserva, quindi il Milan è forte». Beppe Bergomi ha parlato così prima del derby di Milano soffermandosi sulle due formazioni e sugli obiettivi di entrambi.

-Pensi che non ci sia una coppia migliore di Lautaro e Lukaku? E poi torna Brozovic, un giocatore che tu consideri importante per l’Inter…

Credo che se devo pensare ad un centrocampo a tre davanti alla difesa, il croato sia il miglior giocatore che ha l’Inter in rosa. Il centrocampo dell’Inter è mobile e ruota molto. Barella si butterà dentro come in Nazionale, ma questa squadra si poggia molto sulle due punte che devono stare vicine e combinare tra di loro. L’Inter cerca di trovare velocemente le punte, se poi riesce a palleggiare da dietro ancora meglio. 

-Chiavi della partita? 

L’Inter deve avere il coraggio di palleggiare con i tre dietro e cercare gli attaccanti davanti velocemente, creare due contro due contro i due difensori centrali. E attenzione alla posizione di Barella. Dall’altra parte il Milan deve essere molto aggressiva, recuperare velocemente, cercare i trequartisti e devono far abbassare Perisic e Hakimi che non sono difensori. Può essere una chiave per il Milan. 

(Fonte: Skysport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy