VIDEO ESCLUSIVA / Fcinter1908 a casa di Sensi. L’ex compagno: “Caratteristiche uniche”

FCInter1908.it va alla scoperta dei luoghi in cui il centrocampista dell’Inter Stefano Sensi è cresciuto

C’è un legame indissolubile che unisce Stefano Sensi e la sua Urbania. Nel paesino di 7000 abitanti in provincia di Pesaro e Urbino, il centrocampista dell’Inter rappresenta un vero e proprio idolo per i suoi compaesani, che lo hanno visto crescere e hanno apprezzato la passione di un ragazzo umile, che ha lavorato sodo per realizzare il suo sogno. Urbania e l’Urbania, club in cui Sensi ha mosso i primi passi e che il prossimo anno festeggerà 100 anni dalla fondazione: in città tutti sperano che sia proprio il 24enne il grande ospite in occasione della festa per il centenario, ma bisognerà capire se riuscirà a essere presente.

Nel nostro viaggio alla scoperta della città marchigiana in cui Sensi è nato e cresciuto, prima del grande salto con il passaggio al Rimini, abbiamo incontrato un suo coetaneo ed ex compagno di squadra, Andrea R., che ha tracciato ai nostri microfoni un ritratto da bambino del centrocampista nerazzurro: “Si vedeva che aveva un altro passo. Aveva delle caratteristiche uniche, ma non mi aspettavo che arrivasse al livello dell’Inter e della Nazionale. Sempre in fissa con il calcio, giocava nel campetto davanti casa sua. Quando si è trasferito a Rimini lo ha fatto con la testa giusta. Calciava con entrambi i piedi da quando aveva 6/7 anni“.

Dal Fan Club Urbania ‘Teto Sensi’ al campetto vicino casa sua, dove giocava dopo gli allenamenti, passando per lo stadio dell’Urbania dove si allenava da bambino e dove abbiamo intervistato il suo primo allenatore Davide Tacchi (QUI L’INTERVISTA COMPLETA). Siamo andati nella cittadina marchigiana a conoscere Stefano attraverso la sua città.

(Servizio a cura di Alessandro De Felice)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy